Operaio russo si costruisce un sommergibile

Mikhail Puchkov ha realizzato il suo sogno: «Andare sotto le onde e pensare che hai fatto tutto da solo è esaltante»

SAN PIETROBURGO – Non si è fatto disarmare nemmeno dalla tragedia del Kursk. Il sogno nel cassetto di Mikhail Puchkov, operaio russo 40enne, è rimasto sempre lo stesso: costruire un sottomarino e andare in giro per il mondo. Per ora ha realizzato la prima parte: il sottomarino. «Ma entro due anni sarò in giro per i mari d’Europa» ha confermato. Quasi vent’anni di lavoro notturno prima del varo, visto che Puchkov di giorno è impegnato in fabbrica, a San Pietroburgo. Il prototipo iniziale pesava circa due quintali e aveva un propulsore “totalmente meccanico”: andava a pedali. Quello attuale dispone invece di un motore vero, pesa oltre due tonnellate ed è lungo cinque metri. «E’ esaltante muoversi sotto le onde – ha spiegato Mikhail Puchkov – e pensare che hai fatto tutto da solo».
I GUAI CON I SERVIZI SEGRETI – Le prime uscite del sottomarino artigianale hanno attratto un sacco di attenzioni tra gli abitanti di San Pietroburgo e, tra le prime, ci sono state anche quelle dei servizi segreti, che si sono interessati a Puchkov dopo che con il suo mezzo si era infilato in una rete dei pescatori. Ma quando hanno capito che l’operaio navigatore non voleva spiare nessuno, l’hanno lasciato proseguire nelle sue immersioni a pelo d’acqua.
(Fonte Repubblica.it)

Simone, 27enne, informatico per passione, perdi tempo per mestiere. Costantemente alla ricerca delle notizie più trash. Fondatore e autore del sito dal 2006.

Rispondi