Troppo obeso scarcerato


Pesa oltre 140 chili ed è incompatibile con la vita carceraria. Lo ha stabilito un giudice del Tribunale di sorveglianza che ha concesso gli arresti domiciliari ad un carcerato casertano, condannato per furto e detenuto a Cassino. Secondo il parere del tribunale, l’uomo è troppo grasso per vivere in una cella. Una condizione che comporta molti disagi per il carcerato e mette a repentaglio la sua stessa salute.

Il giudice del Tribunale di Sorveglianza di Frosinone ha rimesso in libertà l’uomo già nei giorni scorsi. Il magistrato ha accolto l’istanza presentata dall’avvocato dell’uomo. Il legale, infatti, ha spiegato che il suo assistito era incompatibile con il regime carcerario. Troppo grasso, anzi, obeso per poter vivere in quella piccola ed angusta cella e soprattutto impossibilitato, in caso di malore, a poter essere trasportato su una normale barella. Al detenuto che pesa oltre 140 chili il giudice del Tribunale di sorveglianza ha concesso gli arresti domiciliari.

(Fonte Tgcom.it)

Simone, 27enne, informatico per passione, perdi tempo per mestiere. Costantemente alla ricerca delle notizie più trash. Fondatore e autore del sito dal 2006.

Rispondi