Condannato ladro di peli!

Due anni di carcere. E’ quanto è costata a un addetto ai bagagli dell’aerolinea australiana Qantas la passione feticista per peli e capelli femminili. L’uomo è stato condannato da un tribunale di Melbourne per il furto ripetuto dei “preziosi” cimeli dai bagagli dei passeggeri, mirante a soddisfare il suo feticismo sessuale. Rodney Lyle Petersen, di 30 anni, si è dichiarato colpevole di 50 capi di imputazione.

Nella sentenza, il giudice Jennifer Coate ha ripristinato una condanna detentiva risalente al 2004 e poi sospesa, per tentato stupro. Secondo l’accusa, Petersen usava parcheggiare il furgone per frugare nei bagagli smarriti o giunti in ritardo, che dovevano essere riconsegnati a passeggeri della Qantas. Raccoglieva poi da spazzole e biancheria intima capelli e peli pubici, che ha conservato in più di 80 sacchetti di plastica, catalogando in un quaderno i dati personali delle proprietarie.

Secondo quanto ha spiegato un esperto psichiatrico alla corte, l’uomo soffre di una gamma di deviazioni psicosessuali, consistenti nello scaricare il desiderio erotico su particolari oggetti, in particolare indumenti, e su parti del corpo. “Sono convinta oltre ogni ragionevole dubbio che l’imputato ponga un rischio reale alla sicurezza delle donne nella comunità”, ha detto il giudice nell’emettere la sentenza di due anni e otto mesi, con un periodo minimo di due anni prima di poter chiedere la libertà condizionata.

(Fonte Tgcom.it)

Simone, 27enne, informatico per passione, perdi tempo per mestiere. Costantemente alla ricerca delle notizie più trash. Fondatore e autore del sito dal 2006.

Rispondi