Gli inviano la tessera sanitaria ma è morto da vent'anni

La nuova tessera sanitaria gli è stata recapitata per posta nei giorni scorsi e scade il 27 febbraio 2012, ma Tommaso De Troia, nato nel 1901, non potrà usufruirne: è morto 20 anni fa, il 30 aprile 1987. La comunicazione è arrivata alla figlia e al genero di De Troia, ultrasettantenni, che abitano in via dei Mille, al quartiere San Pasquale di Bari. A spedire la tessera, con lettera allegata, è stata l’Agenzia delle Entrate insieme alla Sogei (Società Generale Informatica).
Quando l’hanno ricevuta, figlia e genero di De Troia, pensionato delle Ferrovie dello Stato, sono caduti dalle nuvole. Peraltro la nuova tessera sanitaria il genero di De Troia non l’ha mai ricevuta, al contrario del parente defunto.
Nella lettera allegata l’Agenzia delle Entrate e la Sogei informano De Troia dei suoi diritti in materia sanitaria, del numero verde e del sito Internet a sua disposizione. Una lettera che conclude così: “Se i dati anagrafici riportati sulla tessera sanitaria contenessero errori, la preghiamo di segnalarli ad un qualsiasi ufficio dell’Agenzia delle Entrate che provvederà alle eventuali correzioni”.

(Fonte Tiscali.it)

Simone, 27enne, informatico per passione, perdi tempo per mestiere. Costantemente alla ricerca delle notizie più trash. Fondatore e autore del sito dal 2006.

Rispondi