Le assegnano un numero appartenuto a Paris Hilton: studentessa inondata di telefonate!


Da quando la sua compagnia telefonica le ha assegnato un nuovo numero di telefono, è inondata di telefonate. Gli sconosciuti interlocutori la implorano di essere invitati alle sue feste, di avere una raccomandazione per poter entrare nei locali più alla moda di Los Angeles o semplicemente le fanno gli auguri di compleanno.
Per mesi questa giovane studentessa dell’Università della California non è riuscita a capire perché così tante persone sbagliassero numero, solitamente tra le 2 e le 4 del mattino, fino a quando non ha scoperto il nome dell’ex proprietaria del suo nuovo recapito telefonico: l’ereditiera Paris Hilton.
La situazione ha continuato a degenerare e più di una volta Barlow si è trovata a fare i conti con interlocutori infuriati di fronte alla realtà: “Non sono chi cercate. Sono solo una studentessa”. Un’altra volta la giovane ha intrapreso una lunga conversazione con un aspirante cantante rap che dopo aver scoperto che non stava parlando con la Hilton, l’ha comunque invitata ad una festa.
Con l’ingresso in carcere dell’ereditiera, che a giugno ha scontato una condanna di 23 giorni per violazione della libertà vigilata, il numero di telefonate è diminuito drasticamente, anche se hanno iniziato ad arrivare messaggi di solidarietà nei suoi confronti. “E’ disgustoso il modo in cui ti hanno trattata. Ma hai dimostrato ancora una volta al mondo che puoi fare qualunque cosa” recitava un Sms. Barlow ha detto di aver resistito alla tentazione di fingersi Paris Hilton per ottenere privilegi, come l’ingresso in locali esclusivi, anche se ogni tanto si è presa la libertà di rispondere ai messaggi dei fan, ringraziandoli. “Ho pensato che Paris lo avrebbe apprezzato” ha spiegato. Per quanto riguarda il numero, la studentessa ha deciso di non cambiarlo: “Sicuramente è stato più una fonte di divertimento che di problemi” ha spiegato.

(Fonte Tiscali.it)

Simone, 27enne, informatico per passione, perdi tempo per mestiere. Costantemente alla ricerca delle notizie più trash. Fondatore e autore del sito dal 2006.

Rispondi