Il mistero delle teste di pietra

E’ giallo nel villaggio britannico di Kilburn. Da settimane, alcune teste scolpite nella pietra sono state ritrovate di fronte ad abitazioni ed esercizi pubblici, destando la sorpresa – e in certi casi l’inquietudine – degli autoctoni. Mistero sull’autore delle sculture, che ricordano una fattura medievale. C’è chi teme sia opera di una setta di satanisti, chi invece crede che si tratti di qualche artista in cerca di fama.

A rendere la vicenda ancora più strana, è un indovinello scritto su un pezzo di carta blu attaccato ad ognuna delle sculture: “Brilla brilla come una stella, l’amore splende meno da lontano?”. Ciascuna delle teste, alte fino a 45 centimetri, è stata scolpita con cura a volte con uno stile moderno, altre in maniera simile ai gargoyle medievali. L’anonimo scultore ha depositato le sue bizzarre creazione nel cuore della notte in diversi paesi nei pressi del North York Moors National Park nell’arco delle
ultime due settimane.

Per ora del misterioso autore esiste soltanto un’immagine scura e irriconoscibile catturata dalla telecamera a circuito chiuso di Valerie Hoyes, una donna residente a Braithwell, un paesino a 65 chilometri da Kilburn. La Hoyes aveva trovato ben tre teste davanti a casa sua ad agosto, ma non aveva raccontato niente a nessuno fino a quando ha sentito che ad altri era accaduta la stessa cosa. Controllando i filmati della telecamera a circuito chiuso, la donna ha visto un uomo parcheggiare l’auto e scaricare le teste alle 4.15 del mattino. ”Assomigliano a dei gargoyle. Sono molto strane. Abitiamo a Braithwell da 26 anni e non abbiamo mai visto una cosa simile. Alcuni credono sia opera di seguaci dell’occulto”, ha detto la Hoyes.

(Fonte Tgcom.it)

Simone, 27enne, informatico per passione, perdi tempo per mestiere. Costantemente alla ricerca delle notizie più trash. Fondatore e autore del sito dal 2006.

Rispondi