Caca de la Vaca

Club dilettantistico sopravvive grazie a una mucca

Caca de la VacaSingolare iniziativa di un club dilettantistico spagnolo per assicurarsi il futuro. Il presidente dell’Amoeiro, Josè Angel Cid, ha indetto una lotteria molto particolare. Ha fatto dividere il terreno di gioco della sua squadra in seimila quadrati, venduti a 10 euro: il 24 febbraio una mucca verrà lasciata libera sul campo e il possessore del quadrato dove il bovino farà il primo bisogno vincerà un’automobile.

Uno “sforzo” non indifferente ma ben remunerato.
La vita da presidente di club è costosa e per garantire tranquillità alla propria squadra si è disposti a tutto. Tanto più se l’iniziativa intrapresa fa sorridere, genialata ecologica e potenzialmente di grande attecchimento presso gli appassionati di un calcio bucolico, in cui il divertimento resta l’unico motore che smuove gli animi.
L’Amoeiro Fc è una squadra dilettantistica spagnola che, per sopravvivere, come fanno molti altri club, ha indetto una lotteria nel tentativo di rimpinguare le casse. Nulla di male se non fosse che l’iniziativa investe, di fatto, il campo sul quale la formazione gioca.
Il presidente ha pensato di far dividere il terreno di gioco a mo’ di caselle del Bingo o della Tombola e venderle (attraverso il sito cacadelavaca.es) per dare vita a un concorso che avrà come vincitore il possessore del pezzettino di campo in cui una mucca, Rubia, avrà l’accortezza di ricamarci il primo bisogno quando, il 24 febbraio sarà lasciata libera di pascolare sull’erba.
In palio ci sarà un’automobile, ma anche uno scooter e una tv al plasma. Per non generare polemiche in caso di contestazione, la casella vincente sarà rilevata addirittura tramite Gps. Insomma una trovata che singolare è dir poco, ma per cercare i soldi necessari per proseguire nell’attività è lecito questo ed altro a patto che Rubia, il bovino della sopravvivenza, venga quanto meno eletta, di diritto, mascotte della squadra.

Simone, 27enne, informatico per passione, perdi tempo per mestiere. Costantemente alla ricerca delle notizie più trash. Fondatore e autore del sito dal 2006.

Rispondi