Colti con il cellulare al volante? No problem!

orecchio cellulare

Un autista Tedesco è incredibilmente riuscito ad evitare una multa per aver usato il cellulare alla guidadel suo camion. In che modo? Ha affermato che stava usando il cellulare per scaldarsi l’orecchio!

La corte di Hamm ha accolto la difesa dell’uomo, prendendo atto che l’uomo stava utilizzando il celulare caldo dopo averlo caricato per scaldarsi l’orecchio.

Questo significa che l’uomo non ha infranto la legge che di fatto vieta agli automobilisti di effettuare chiamate tenendo le mani occupate durante la guida, ma che non prevede sanzioni per chi le occupa per scaldarsi le orecchie.

Klein 43 anni, ha detto alla corte: “Avevo mal d’orecchio e la situazione stava peggiorando, anche perché la cabina di guida non era riscaldata, così ho afferrato il cellulare che era in carica e me lo sono messo sull’orecchio e proprio in quel momento ho visto la pattuglia della polizia.”

La corte ha accolto le affermazioni dell’uomo dopo che lo stesso ha fornito un tabulato delle chiamate provando che nell’intervallo di tempo in cui è stato sorpreso dalla polizia non aveva effettuato nè ricevuto alcuna chiamata.

Ora i casi sono due: o questo uomo è particolarmente fortunato e furbo ed è riuscito a convincere un’intera corte con una scusa banalissima, forte del fatto che nn aveva ancora effettuato la chiamata; oppure è particolarmente sfortunato ed è stato fermato dalla polizia nel momento sbagliato e questo significherebbe che realmente stava utilizzando il cellulare per scaldarsi l’orecchio.

Simone, 27enne, informatico per passione, perdi tempo per mestiere. Costantemente alla ricerca delle notizie più trash. Fondatore e autore del sito dal 2006.

2 thoughts on “Colti con il cellulare al volante? No problem!

  1. Alla faccia delle notizie curiose…. msimpatica la storiella, anche se mi sembra veramente esagerata…. ma dove le trovi?

  2. Hehe, le notizie solitamente le traduco dall’inglese, le prendo da alcuni siti simili al mio ma in lingua inglese, ti posso assicurare che tutto quello che leggi è vero però, molto spesso le fonti sono prestigiosi giornali come la BBC.

Rispondi