Prete si presenta in ospedale con una patata nel sedere

loading...

Il genio ecclesiastico protagonista di questa vicenda ha circa 50 anni ma non ci è dato sapere il suo nome.

potatointheass1

Quando è arrivato in ospedale ha riferito agli infermieri che l’incidente si è verificato quando è caduto all’indietro sul tavolo della sua cucina mentre era intento a montare le tende.

Tutto questo stranamente mentre era nudo, nonostante continui a insistere sul fatto che l’incidente non sia il risultato di un giochino a sfondo sessuale!

Come pegno per questa sua debolezza l’uomo di chiesa ha dovuto subire una delicata operazione per rimuovere il vegetale dal suo retto, un’operazione per niente nuova ai sanitari dell’ospedale che più di una volta hanno rimosso strani oggetti dai corpi dei pazienti giunti al pronto soccorso.

Tra gli oggetti più strani che i medici di Sheffield hanno dovuto rimuovere troviamo un deodorante, un cetriolo, una Matryoshka.

Tornando a parlare del prete, l’infermiera Trudi Watson dell’ospedale generale di Sheffield ha detto:”Il vicario mi ha parlato molto sinceramente dicendo che aveva visto le sue tende messe male e che nel tentativo di sistemarle è caduto sul tavolo della cucina dove l’incidente si è compiuto.”

“A me però non importa se la sua storia sia vera o falsa. A me importa che l’uomo abbia dovuto eseguire un operazione chirurgica.”

E infine mette in guardia tutti coloro che hanno tentato di utilizzare oggetti per giochi sessuali dicendo: ” Può essere veramente pericoloso e potenzialmente mortale giocare in questo modo”.

“La chirurgia può causare infezioni, brutte cicatrici e c’è anche la possibilità che la persona operata abbia bisogno di una colostomia per poter tornare a vivere nella normalità!!”.

Perciò mi raccomando, fate attenzione tutti quanti!! E per chi non lo sapesse andatevi a leggere cos’è una colostomia, non è per niente una cosa piacevole!

Simone, 27enne, informatico per passione, perdi tempo per mestiere. Costantemente alla ricerca delle notizie più trash. Fondatore e autore del sito dal 2006.

Rispondi