L’uomo che vola con i palloncini come nel film Disney Up

Palloncini Up

Volare appesi a dei palloncini credo sia uno dei pensieri che almeno una volta nella vita capita di fare, per qualcuno magari un sogno, ancora meglio se i palloncini sono tutti colorati, da questa idea di sogno sono nati moltissimi dei film Disney, compreso Up nelle sale da poche settimane.

Talmente bello quanto in teoria semplice da realizzare, basta riempire tanti palloncini di elio e prima o poi la spinta verso l’alto ci farà volare.

Sicuramente non può essere considerato un mezzo comodo e sicuro per volare, è un po’ difficile riuscire a comandare l’andamento dei palloncini, soprattutto se c’è vento, tutt’al più si può sganciare un palloncino per abbassarsi di quota, sempre sperando che nessun uccello o beccaccino decida di iniziare a beccare sui rimanenti.

Nonostante l’apparente difficoltà a realizzare una cosa simile e anche se non può essere considerato comodo come una mongolfiera, il cosiddetto “grappolo di palloncini” è stato utilizzato più di una volta da temerari del volo o anche eterni bambini.

Tra questi sicuramente il più eccentrico è l’americano John Ninomiya, un veterano del volo, che definisce questa esperienza “una via di mezzo tra lo sport estremo e l’eccesso di eccentricità personale”. L’uomo ha il maggior numero di voli, circa 60, e il maggior numero di ore in volo, su una sedia attaccata ad un grappolo di palloncini.

I suoi grappoli sono quasi sempre composti da un numero che va da 50 a 100 palloncini gonfi di elio, e  afferma di essere arrivato con i suoi palloncini alla strordinaria quota di 6.4 km d’altezza.

Per il signor Ninomiya questa passione ha un doppio fascino; prima di tutto non è per niente semplice riuscire a governare dei palloncini, soprattutto perché quasi nessuno lo ha mai fatto. In secondo luogo, volare attaccati a dei palloncini è un sogno, un desiderio dei bambini, un capriccio e tutti questi fattori messi insieme creano una miscela di emozioni e di sensazioni in volo che probabilmente solo il signor Ninomiya riesce realmente a comprendere.

Un po’ come il vecchio Carl Fredricksen del recente film Disney Up, che sogna di poter volare con la sua casa attaccata ai palloncini, alle cascate paradiso. Seguito dal piccolo e cicciottello Russell che lo aiuta a realizzare il suo sogno.

Perchè altro non può essere che un sogno, e probabilmente gli autori del film si sono ispirati proprio alla storia del signor John Ninomiya per realizzarlo.

Vi lascio con un paio di immagini in volo e se volete saperne di più, visitate il sito ufficiale di John.

Palloncini Up - John NinomiyaPalloncini Up - John NinomiyaPalloncini Up - John NinomiyaPalloncini Up - John NinomiyaPalloncini Up - John Ninomiya

Simone, 27enne, informatico per passione, perdi tempo per mestiere. Costantemente alla ricerca delle notizie più trash. Fondatore e autore del sito dal 2006.

2 thoughts on “L’uomo che vola con i palloncini come nel film Disney Up

  1. Alla faccia del lessico!! Se quelli sono PALLONCINI allora le mongolfiere sono semplici palloni simili a quelli da calcio? ma torna a studiare che è meglio, ci guadagni di più che star qua a sparare cazzate!

    1. La decidi tu la grandezza standard di un palloncino? Se hai finito di rompere le scatole su questo blog bene, se no continua pure, ma i tuoi commenti provocatori non verranno più pubblicati.

      Ti informo inoltre che il sottoscritto di sicuro è più istruito di te a giudicare dalla tua età. Pensa a studiare per la maturità se è il tuo anno e non stare su questo blog a lamentarti.

      Ripeto per la seconda volta, se non ti piace quello che scrivo, vai altrove, anzi, apri un blog tutto tuo, scriviti le tue notizie senza errori e sbavature e diventa conosciuto almeno la metà di quanto lo è questo blog.

      Bon voyage.

Rispondi