I gemelli siamesi più vecchi del mondo

I gemelli siamesi Donnie e Ronnie Galyon, 58 anni sono diventati recentemente i gemelli siamesi più longevi del mondo.

Donnie e Ronnie sono uniti lungo il torso, ma hanno 4 gambe, 4 braccia, cuore e polmoni separati e intestino in comune.
I gemelli vivono in una piccola casa a Dayton, nell’Ohio, mentre il loro fratello Jim Galyon abita in un paese vicino, Beavercreek.

I due hanno vissuto un’intera vita in giro per il mondo come fenomeni da baraccone per raccimolare qualche soldo, ci raccontano che il loro padre prese la sofferta decisione di rendere il problema dei propri figli una fonte di denaro per poter mandare avanti la famiglia.

La loro salute, come comferma anche il medico che li segue costantemente, è in lento declino a causa di un’artrite che li colpisce da alcuni anni sempre più duramente. Nonostante questo il Jim non sembra preoccupato e dice che si prenderà cura dei suoi fratelli e li porterà a casa con lui, dove potrà prendersene cura. “Farò di tutto affinché la loro libertà e indipendenza rimanga tale” – ha dichiarato Jim.

Una casa di carità di New York si è già offerta per aiutare Jim a modificare la sua casa e ospitare al meglio Donnie e Ronnie entro primavera.

Il presidente dell’associazione ha già dichiarato di aver contattato un architetto specializzato nella realizzazione di case per disabili. E’ già pronto il progetto con nuove porte, un bagno ed una doccia spaziosi e inoltre un nuovo letto e una nuova sedia a rotelle.

C’è un pensiero che però rende tutti molto ansiosi e tristi, il giorno in cui uno dei due morirà. Quel giorno non si sa di preciso cosa accadrà, probabilmente a poche ore di distanza morirebbe anche l’altro fratello, ma potrebbe anche rimanere vivo, e se rimanesse vivo come potrebbe convivere con suo fratello morto? Per il momento Ronnie, Donnie, Jim e tutti i famigliari preferiscono non pensarci.

Intanto noi auguriamo ai due simpatici gemelli di vivere altri 100 anni.

Simone, 27enne, informatico per passione, perdi tempo per mestiere. Costantemente alla ricerca delle notizie più trash. Fondatore e autore del sito dal 2006.

Rispondi