Will Keegan - Il tifoso più sfortunato di sempre

Percorre 16 mila km per vedere la sua squadra del cuore, il treno si blocca e perde la partita

loading...

Will Keegan - Il tifoso più sfortunato di sempreE’ successo ad un tifoso Australiano partito da Melbourne per vedere la sua squadra del cuore, 16000 chilometri più a ovest in Inghilterra, il Blackburn.

Il viaggio è costato al giovane Will keegan, 26 anni, 700 dollari, la partita in questione era quella tra Fullham e Blackburn.

Will era ospite dai suoi zii a Kent vicino a Manchester e la mattina della partita aveva preso un treno per raggiungere Blackburn in un viaggio che sarebbe dovuto durare circa 3 ore.

Tutto si sarebbe aspettato Will, ma non che la locomotiva si sarebbe fermata a Rugby nello Warkwickshire, nel bel mezzo dell’Inghilterra, a causa di un problema all’impianto elettrico.

E così Keegan non è mai arrivato allo stadio, il treno non è mai ripartito e il ragazzo non ha potuto fare altro che tornare a casa degli zii 8 ore più tardi, dove ha scoperto, tramite il televideo, che la sua squadra aveva vinto la partita per 2 a 0.

“Tutto il viaggio è stato organizzato dall’ Australia per vedere la partita dei miei amati Blackburn Rovers. La notte prima della partita sono riuscito a dormire solo 2 ore per l’emozione.”

“La mattina quando mi sono alzato dal letto ero eccitatissimo e ho creduto che sarebbe stato il giorno più bello della mia vita. Non avrei mai pensato che potesse diventare il peggiore.” – dice Will.

Bloccato in mezzo al nulla - Il treno della discordiaKeegan originario di Oldham, in Inghilterra ha aggiunto: “Ero devastato. Dopo essere arrivato dall’altra parte del mondo per vedere giocare i miei idoli, mi sono ritrovato bloccato a Rugby, in mezzo al nulla.”

Pochi giorni dopo Will è tornato a casa sua in Australia con tanta tristezza e senza aver visto neanche con il binocolo la sua squadra del cuore.

Quando si dice sfortuna.

Simone, 27enne, informatico per passione, perdi tempo per mestiere. Costantemente alla ricerca delle notizie più trash. Fondatore e autore del sito dal 2006.

Rispondi