Phillip Levine - L'artista che usa la sua testa come una tela

Philip Levine, l’artista che usa la testa come una tela

Quando Philip Levine si è accorto che i suoi capelli stavano iniziando a cadere poco dopo i ventanni, non se la sentiva di utilizzare parrucche o di ricorrere ad un trapianto.

Phillip Levine - L'artista che usa la sua testa come una tela

Piuttosto che diventare uno dei tanti calvi in giro per il mondo, ha quindi deciso di rendere questo suo difetto un pretesto per creare qualcosa di unico e originale nel nome dell’arte.

E’ così che da un po’ di tempo Phillip, con l’aiuto del suo amico body-painter, Kat Sinclair, ha deciso di utilizzare la sua testa come una tela da disegno.

“Se con un parrucca in qualche modo cerchi di nasconde ciò che può sembrarti un grave difetto, utilizzare la tua testa calva come una tela ti fa sentire speciale, originale e l’imbarazzo di essere pelati, diventa un pregio.”

Phillip levine - L'artista che usa la testa come una tela da disegnoPhillip levine - L'artista che usa la testa come una tela da  disegnoPhillip levine - L'artista che usa la testa come una tela da  disegno

A volte Phillip e Kat passano ore intere a lavorare su nuovi disegni. Tre le tante opere d’arte vale sicuramente la pena ricordare la volta in cui Phillip si face incollare sulla pelata 1000 cristalli di Swarowsky da Kat.

Simone, 27enne, informatico per passione, perdi tempo per mestiere. Costantemente alla ricerca delle notizie più trash. Fondatore e autore del sito dal 2006.

Rispondi