Olimpiadi di unghie finte

In Gran Bretagna le olimpiadi delle migliori unghie finte


Ogni anno, squadre provenienti da nazioni di tutto il mondo si sfidano in Gran Bretagna nell’appuntamento con le Olimpiadi di Unghie Finte per una sfida all’ultimo graffio!

Olimpiadi di unghie finte

Negli ultimi 6 anni i migliori manicuristi si sono ritrovati in Gran Bretagna per mostrare le proprie capacità nel modellare le unghie finte. Tutti si conoscono ma durante le gare, per la tensione e lo spirito di competizione non si parlano e sembrano dei perfetti sconosciuti. La loro concentrazione, però, si esprime in fantastiche opere d’arte montate sulle unghie delle pazienti modelle.

Molte persone potranno che credere che per unghie finte si intendano le classiche unghie incollate, glitterate e semplici estensioni delle unghie naturali. Non immaginerebbero invece che durante queste Olimpiadi vengono creati veri e proprio capolavori, con l’utilizzo di pennelli, gioielli, costruzioni in miniatura e altre oggetti. Un’esplosione di creatività e fantasia.

Olimpiadi di unghie finteOlimpiadi di unghie finteOlimpiadi di unghie finteOlimpiadi di unghie finteOlimpiadi di unghie finte

E’ così che sono nate le unghie veliero, quelle con le fate, piccole riproduzioni di paesaggi, foreste, unghie luminose e tantissime altre fantasie.

Sfortunatamente quasi nessuno conosce l’esistenza di queste olimpiadi, anchese con il passare degli anni i visitatori e i curiosi diventano sempre di più. Quest’anno la competizione ha collezionato ben 30mila visitatori, record assoluto.

Eppure il mercato della manicure costituisce un’importante fetta del mercato degli estetisti.

E’ vero, molte delle creazioni presentate alle Olimpiadi potrebbero sembrare ridicole e non sarebbero sicuramente adatte per cucinare o per stendere i panni. Ma in fin dei conti anche il mondo della moda è così. Sperimentare, per l’innovazione dei consumatori!

Simone, 27enne, informatico per passione, perdi tempo per mestiere. Costantemente alla ricerca delle notizie più trash. Fondatore e autore del sito dal 2006.

Rispondi