Cartello Taco Bell

10 morti avvenute in circostanze incredibili

Il peso del cartellone

Cartello Taco BellDiana Durre di Chambers in Nebraska è morta dopo che un enorme insegna di Taco Bell (famosa catena di ristorazione americana) le è caduto in testa mentre si trovava all’interno di un camion parcheggiato davanti al locale. La signora Diana doveva incontrare una coppia per vendere loro dei cani proprio sotto all’insegna di taco Bell. I due purtroppo sono arrivati con qualche minuto di ritardo.

Suicidio Omicidio

Suicidio omicidioVoleva suicidarsi saltando dall’ottavo piano in un palazzo di Viladecans, vicino Barcellona, ma non aveva fatto i calcoli con i passanti e ne ha travolto uno atterrando a terra. La donna suicida è morto all’istante mentre l’ignara vittima, un uomo Ucraino, è morto poco dopo in ospedale a causa delle ferite riportate. Una terza persona, la moglie della vittima, ha riportato lievi ferite.

Contro la finestra, giù con la testa

Finestra defenestranteUn impiegato voleva dimostrare ai dottorandi in legge presenti che le nuove finestre del palazzo erano resistenti come la roccia e così ha preso la rincorsa gettandosi contro una di esse. A nulla sono serviti i soccorsi che hanno cercato di salvarlo in seguito ad un volo di 24 piani da un grattacielo di Toronto in Canada. Il signor Garry Hoy, 38 anni, è morto sul colpo.

La fabbrica di cioccolato

la fabbrica di cioccolatoVincent Smith II, un impiegato della Cocoa Services inc. è morto nello stabilimento di Camden nel New Jersey, dopo essere caduto all’interno di un vasca piena di cioccolata calda a 50°C. L’uomo è stato sventrato da una delle grandi pale della vasca usata per mischiare la cioccolata. Vincent è rimasto 10 minuti all’interno della vasca prima che i soccorsi riuscissero ad estrarlo. I medici hanno annunciato la sua morte poche ore più tardi. Una morte dolce ad ogni modo.

Il condom soffocante

Il condom asfissianteCercava emozioni sessuali forti, ma è morto dopo essersi infilato un profilattico in testa. gary Ashbrook, 31 anni, è stato trovato morto nel suo letto completamente nudo. Sul letto anche 3 bombolette di ossido di diazoto utilizzate per gonfiare il condom. L’autopsia ha rivelato che il signor Ashbrook, sieropositivo da 7 anni è morto asfissiato per colpa del condom nella sua testa.

La giostra della morte

Nel 2003 all’interno di un parco di divertimenti un operatore addetto ad una delle tante giostre è morto dopo essersi impigliato con i capelli e il braccio in un carrello delle montagne russe che lo hanno lanciato a 12 metri di altezza prima di farlo ricadere a terra. Doug McKay, 40 anni, stava spruzzando del lubrificante sulle rotaie del Super Loop 2, un’attrazione del Island County Fair, vicino Sheattle. La giostra l’avrebbe preso per i capelli facendogli lo scalpo.

Al funerale con la vespa

Funerale di mieleJaam Singh Girdhan barela, 50 anni, è morto ucciso da uno sciame di api che lo hanno attaccato durante il funerale della moglie deceduta qualche giorno prima nel villaggio di Madhya Pradesh. Gli insetti si erano infastiditi dopo che i fumi e le fiamme provenienti dall’incenso del prete avevano invaso l’alveare costringendo l’intero sciame ad evacuare.

Partita fulminea

Durante un match di calcio disputato tra il Bena Tshadi e il basange nel campionato nazionale della Repubblica Democratica del Congo, 11 membri della squadra ospite sono rimasti uccisi da un fulmine che si è abbattuto sul terreno di gioco durante la partita. Il risultato al momento dell’incidente era fermo sull’ 1-1. Incredibilmente i giocatori della squadra locale sono usciti dal campo tutti illesi.

Il dischetto maledetto

Brittanie Cecil, una ragazzina 13enne appassionata di hockey su ghiaccio è morta durante una partita della sua squadra del cuore, la Columbus Blue Jackets, dopo essere stata colpita dal dischetto di gioco lanciato dal giocatore Espen Knutsen in uno scontro con un avversario. La ragazzina è stata colpita alla tempia dal dischetto che ha accidentalmente superato i pannelli di protezione. E’ morta dopo circa 48 ore. Questo incidente è ricordato come il primo incidente mortale mai avvenuto nella storia dell’NHL (National Hockey League).

Decompressione con risucchio

L’assistente Clarabelle “C.B.” Lansing si trovava sul volo 243 delle Aloha Airlines il 28 Aprile del 1988 quando durante la fase di decompressione è stata letteralmente risucchiata fuori dall’aereo in seguito ad un’esplosione avvenuta durante il viaggio. Fatalità volle che dal piccolo buco creatosi sulla scocca del veivolo venisse risucchiata solo lei e che tutti gli altri passeggeri e assistenti di volo riuscissero ad atterrare sani e salvi all’aeroporto di Hahului nelle Isole Maui.

Bonus

Asfissiamento a sorpresa

E’ accaduto in italia, a Cosenza, la signora Gina Lalapola, 23 anni, era stata chiamata da alcuni ragazzi per festeggiare l’addio al celibato di un loro amico. La serata doveva raggiungere il suo culmine con l’ingresso di una torta gigante e il successivo spogliarello della ragazza nascosta al suo interno. Purtroppo però si sono dimenticati di lasciare un buco per l’aria alla giovane donna che al momento della sorpresa non è uscita ma è anzi morta per soffocamento dopo aver aspettato più di un’ora dentro la torta.

Barella con rotella

Nel 1991 Edward Juchniewicz, un uomo 76enne ricoverato in una casa di cura per anziani, è morto scivolando giù per la strada sulla barella sulla quale era stato posto, mentre l’equipaggio dell’ambulanza si era distratto a parlare con i medici dell’ospedale. La vittima, che nonostante l’età, godeva di ottima salute, è morto poche ore più tardi per un’emorragia alla testa. Era stato trasportato all’ospedale per un controllo di routine.

Simone, 27enne, informatico per passione, perdi tempo per mestiere. Costantemente alla ricerca delle notizie più trash. Fondatore e autore del sito dal 2006.

loading...

Rispondi