FUCK YOU (2)

Quando l’ex moglie e l’amante diventano amiche e ricordano insieme il defunto uomo

FUCK YOU (2)FUCK YOU (4)Il signor John Laird McCaffery (15 ottobre 1940 – 14 agosto 1995) è seppellito al cimitero Notre Dame des Neiges di Montreal.

Sulla sua lapide è inciso un affettuoso epitaffio che recita più o meno: “John, libera il tuo corpo e la tua anima, apri le tue potenti ali, scala le più alte montagne e scalcia libero in aria. Adesso puoi vivere per sempre o ritornare su questa terra, come preferisci! Ci manchi.”

Commovente, vero? E soprattutto conforme alle rigorose regole del Notre Dame des Neiges riguardo ciò che può essere scritto su una pietra tombale.

L’artigiano che l’ha realizzata su commissione però, a lavoro terminato, dopo aver fatto un passo indietro per controllarla si è accorto di una curiosissima “coincidenza” che tutto sembra fuorché un caso!

FUCK YOU

“John

Free Your body and soul
Unfold your powerful wings
Climb up The Highest Mountains
Kick your feet up in the air
You May Now Live forever
Or Return To This Earth
Unless You Feel Good Where you Are

Missed By Your Friends”

Come potete vedere dall’immagine infatti, le prime lettere di ogni riga lette partendo dall’alto, formano un invito neanche troppo celata ad andare a quel paese.

Sconvolto e divertito, l’uomo, ha raccontato al cronista del Montreal Mirror che l’ha intervistato di aver ricevuto l’ordine dall’ex moglie e dall’amante di John, le quali di comune accordo avevano studiato l’epitaffio dicendo che rappresentava perfettamente il caro congiunto.

L’artigiano ha anche aggiunto che fino a quel momento la frase più strana che gli fosse capitato di incidere era stata: “Preferirei giacere a Boston, ma mia moglie mi ha seppellito qui”.

 

loading...

One thought on “Quando l’ex moglie e l’amante diventano amiche e ricordano insieme il defunto uomo

Rispondi