Pat Vaillancourt, il ragazzo con più di 10mila URL tatuati sul corpo


Pat Vaillancourt è un giovane proveniente del Quebec in Canada conosciuto come l’attuale detentore del record per il maggior numero di URL tatuati sul proprio corpo, più di 10mila.

Nel 2010 il 30enne decise di voler stabilire un nuovo record e poiché non aveva nessuna particolare abilità artistica motoria, ne tanto meno qualche particolare caratteristica corporea, decise con astuzia di iniziare a tatuare il suo corpo con un numero sempre crescente di marchi pubblicitari e URL di siti internet.

“Il suo motto da allora fu: “Voglio battere un record del mondo, ma ancor prima voglio essere utile per il prossimo!”

Da allora le aziende e gli imprenditori possono pagare 35 euro ed ottenere che il loro URL o sito venga tatuato sulle spalle e sulla schiena di Pat.

Tutti i siti tatuati sono consultabili e visibili sul sito back2thelight.com in cui Pat raccoglie le sue foto e le varie aziende che hanno contribuito economicamente per ottenere un tatuaggio.

Metà di tutti i ricavati finiscono nelle tasche di Pat, mentre l’altra metà viene devoluta in beneficenza per aiutare le popolazioni disastrate di Haiti e della Somalia. Il tutto per una cifra attuale che ad oggi sfiora i 350 mila di dollari, che una volta portato a termine il progetto con i 100mila tatuaggi previsti, salirà a circa3.5 milioni di dollari.

Pat Vaillacourt, record per il maggior numero di tatuaggi URL

L’idea gli è venuta dopo vari tentativi di riuscire ad aiutare la popolazione di Haiti duramente colpita dal terremoto nel 2010, riuscendo a realizzare allo stesso tempo un record del mondo.

Ad oggi il ragazzo ha abbondantemente superato la soglia dei 10mila e afferma di avere altre 16mila richieste da parte di aziende che hanno già dato la propria disponibilità a pagare per avere il proprio URL.

Il lavoro complessivo richiederà un lavoro di circa 12mila e ricoprirà il corpo di Pat dal collo fino alle caviglie.

Se siete interessati alla causa e volete che il vostro indirizzo Facebook o Twitter finisca sul suo corpo, vi basterà pagare 35dollari e saprete che la metà sarà usata per una buona causa.

Simone, 27enne, informatico per passione, perdi tempo per mestiere. Costantemente alla ricerca delle notizie più trash. Fondatore e autore del sito dal 2006.

Rispondi