La città segreta di Arras (3)

Le 7 costruzioni segrete più grandi e incredibili mai realizzate #2

loading...

La città segreta di Arras

La città segreta di Arras (3)Fortemente provati dalle terribili perdite avvenute avvenute durante la battaglia di Somme nel 1916, i generali Britannici sentivano la necessità di organizzare una strategia offensiva che potesse spiazzare il nemico. Fu così che iniziò l’incredibile vicenda della città segreta di Arras, un paesino a nord della Francia, dove per mesi venne costruita in gran segreto una città sotterranea che potesse far avanzare gli inglesi lungo il fronte all’insaputa dei nemici Tedeschi.

Le ragioni che spinsero i Britannici a costruire proprio in questa cittadina sono molteplici a cominciare da una mera valutazione geografica, Arras si trovava in una posizione strategica; inoltre le numerose miniere costruite dai lavoratori locali agevolarono la mimetizzazione e la realizzazione della città.

Nel giro di pochi mesi vennero creati tunnel, gallerie, cunicoli in grado di ospitare 25mila soldati, grazie al lavoro della Royal Engineers, con la possibilità di posizionare le truppe anche in aperta campagna, visto che si trovavano ben nascoste nel sottosuolo.

I sotterranei costituivano una vera e propria città, le grandi caverne vennero trasformate in dormitori, cucine, cappella, centrali elettriche per servire l’intero labirinto di cunicoli e addirittura un ospedale da campo in grado di ospitare fino ad 800 feriti.

La città segreta di Arras (1)La città segreta di Arras (2)La città segreta di Arras (4)La città segreta di Arras (5)La città segreta di Arras (6)

Le conseguenze di questa mossa, furono prevedibili: dopo qualche mese, il 9 Aprile 1917 venne aperto un varco a pochi metri dalla fortificazione nemica con l’utilizzo di mine e la truppe Tedesche vennero colte di sorpresa e costrette ad ingenti perdite, facendo guadagnare agli Inglesi decine di chilometri di campo.

Simone, 27enne, informatico per passione, perdi tempo per mestiere. Costantemente alla ricerca delle notizie più trash. Fondatore e autore del sito dal 2006.

Rispondi