Cucina e mangia il proprio dito perso in un incidente


David Playpenz, dopo aver perso un dito e parte della mano in un incidente motociclistico, si è portato a casa la parte amputata, cucinandola e mangiandosela, tenendo le ossa come souvenir.

I chirurghi, dopo l’incidente, hanno detto a Playpenz che avrebbero dovuto amputargli un dito. L’uomo – di Colchester, Essex (USA) – ha chiesto se poteva portarlo a casa con sé dopo l’intervento, ricevendo il consenso dei medici.
Cucina e mangia il proprio dito David spiega che è sempre stato curioso del cannibalismo e di conoscere il sapore della carne umana ma mangiare la carne di altre persone è illeale, così ha deciso di soddisfare la sua curiosità mangiandosi il proprio dito.
Non è stata solo la curiosità però: “So che sembra pazzesco ma non l’ho fatto solo per curiosità”, ha detto. “Il dito era una grossa parte di me, troppo grande da perdere. Ho deciso di farlo e di tenere le ossa dopo aver mangiato la carne, in modo da non perdere una parte di me“.

Dopo due giorni di recupero, David è andato nella sua cucina a cucinarsi il dito. Per assicurarsi di non danneggiare le ossa ha deciso di bollirlo invece di friggerlo o arrostirlo e non ci ha aggiunto né sale né salse per assaporare il vero sapore della carne.

David, che ha anche pubblicato una foto del dito cucinato nel suo profilo Facebook, assicura che è stata una cosa che non si ripeterà.

Samantha, o Sam, classe '88, alla costante ricerca di un lavoro vero mentre vago nei meandri del web scrivendo notizie stupide con due gatti e due coniglietti in braccio.

Rispondi