L’uomo che mangia gli animali che vengono investiti

Il 72enne inglese Arthur Boyt ha un insolito gusto per il cibo: mangia gli animali morti che trova ai lati delle strade, che sono stati investiti dai veicoli che andavano un po’ troppo veloci.
A causa di questo ha una cattiva reputazione ma lui in realtà non fa nulla di male, gli sembra solo uno spreco mangiare qualsiasi altra cosa.

L'uomo che mangia gli animali che vengono investiti (2) Nel corso degli anni, Boyt si è guadagnato il soprannome “Roadkill Connoisseur” (esperto di carcasse di animali investiti).
“Spesso mi viene chiesto come ho cominciato”, ha detto in un’intervista. “Dopo il 1976, quando ho cominciato a vivere da solo, non dovevo preoccuparmi della sensibilità di nessuno a riguardo di questo. Il cibo era lì pronto per essere portato a casa ed essere mangiato. Inoltre sono un imbalsamatore e scuoio gli animali, così invece di buttare via i corpi ho deciso di cominciare a mangiarli. Credo sia cominciato tutto così”.

Boyt ha mangiato un sacco di animali, incluse alcune puzzole, la cui carne puzza incredibilmente, ma ha trovato un modo per eliminare quell’odore: mettere la carne sotto l’acqua corrente per quattro giorni, dopodiché la puzza se ne va. Ha mangiato anche tassi e una volta un cigno “che sapeva di fango”, ma il suo preferito è il labrador. “Ha un sapore gradevole e somiglia all’agnello. La gente mi guarda male quando lo dico ma il punto è che io non ucciderei mai un animale. È che non credo negli sprechi”.

L'uomo che mangia gli animali che vengono investiti (1) Nel suo garage ha un grande freezer dove tiene tutto quello che trova per strada e contiene animali tra cui ricci, barbagianni, beccaccini, passeri, alcune varietà di rettili, tassi, gatti, poiane e altro ancora.
Anche se non mangia tutto quello che trova, ci sono davvero pochissime cose che rifiuterebbe.

Mi è capitato di colpire un animale personalmente“, ha ammesso. “Non lo farei mai di proposito però. Faccio di tutto per evitarlo”.
Ha parlato anche di cannibalismo, dicendo che se lui o altri avessero bisogno di sopravvivere e ci fosse solamente carne umana disponibile, non avrebbe nessun rimorso nel mangiarla.

La moglie di Boyt non è molto d’accordo con il suo stile di vita, anche perché è vegetariana.

Samantha, o Sam, classe '88, alla costante ricerca di un lavoro vero mentre vago nei meandri del web scrivendo notizie stupide con due gatti e due coniglietti in braccio.

Rispondi