Vuole essere Barbie, ricorre all’ipnositerapia per diventare più stupida

La californiana Blondie Bennett, fan della famosa bambola di plastica Barbie, ha fatto di tutto per diventare come il suo idolo. Di tutto per davvero; Blondie sta ricorrendo all’ipnositerapia per diventare più stupida.

Barbie-wannabe ricorre all'ipnositerapia per diventare più stupida (3)

La 38enne ha deciso di ricorrere all’ipnositerapia per assomigliare in tutto e per tutto alla Barbie. Dopo lampade, Botox e filler alle labbra ha deciso di non pensare solo all’aspetto fisico ma anche a quello “intellettuale”, prenotando tre sessioni alla settimana. A quanto pare sta funzionando; la donna ammette di essersi persa tornando a casa della madre, ovvero la casa dove è cresciuta.

“Quando la gente mi chiede perché voglio essere Barbie penso ‘Perché non dovrei volerlo essere?'”, ha detto Blondie. “Ha una vita perfetta. Tutto quello che fa è fare shopping e farsi bella, non si preoccupa di niente. Ho avuto 20 sessioni e comincio a sentirmi sempre stordita e confusa. Recentemente sono andata a prendere un amico all’aeroporto e non riuscivo a ricordare se dovevo andare alle partenze o agli arrivi”.

Barbie-wannabe ricorre all'ipnositerapia per diventare più stupida (1)Blondie, che ha speso finora £25,000 solo per rifarsi cinque volte il seno, dichiara che la sua ossessione per la bambola è iniziata quando ci giocava da piccola. Dopo qualche anno si è schiarita i capelli e appena presa la patente ha voluto una Corvette. A 18 anni è stata assunta come promotrice di un negozio di giocattoli, facendo finta di essere la sua eroina.

“La gente pensava fosse solo una fase ma dicevo a me stessa: ‘Non appena me ne andrò di casa mi trasformerò in Barbie‘”, ha detto. “Sono stata costretta a vivere una doppia vita fino a otto anni fa, quando ho deciso di diventare davvero come Barbie ignorando quello che dice la gente“.
Circa un anno e mezzo fa ha cambiato legalmente il suo nome e lo scorso dicembre ha fatto una liposuzione al mento per renderlo simile a quello della bambola.

Il suo intervento, come anche l’affitto, è stato finanziato online da alcuni “sugar daddies“, ovvero uomini (solitamente con un’età medio-alta) che la mantengono in cambio di alcune sue foto… Vestita da Barbie, ovviamente.
“Voglio che la gente mi veda come una bambola di plastica del sesso, ed essere senza cervello ne fa parte”.

Barbie-wannabe ricorre all'ipnositerapia per diventare più stupida (2)

Samantha, o Sam, classe '88, alla costante ricerca di un lavoro vero mentre vago nei meandri del web scrivendo notizie stupide con due gatti e due coniglietti in braccio.

Rispondi