Cina, festa della mamma: uomini volontari hanno provato il dolore del parto

In Cina, in occasione della festa della mamma che si è svolta qualche giorno fa, quest’anno gli uomini hanno potuto provare il dolore del parto durante un programma televisivo di Nanchang City, nella provincia di Jiangxi.

Cina, uomini provano il dolore del parto (1) Cina, uomini provano il dolore del parto (2)

Una ventina di uomini volontari si sono sottoposti all’esperimento collegandosi a una macchina che simulava il dolore usanto scariche elettriche. Inutile dire che nessuno è durato più di 30 secondi.

La sfida consisteva in dieci livelli di dolore con una scala di agonia da 50 a 500. Le scosse elettriche venivano mandate negli addomi dei volontari al fine di ottenere l’effetto desiderato ma, come avevano già previsto, tutti cominciavano a lamentarsi pochissimi secondi dopo, interrompendo l’esperimento premendo un semplice pulsante.

Iain Inglis, un cantante inglese di 31 anni che vive in Cina, ha rinunciato non appena l’indicatore del lorore ha raggiunto la soglia di 100. “Era troppo per me”, ha detto. “Il dolore era terribile!”. Un altro volontario, Lee Hao, ha detto: “È stato incredibile. Non riuscivo a sopportarlo. Ora capisco perché mia moglie urlava di volere degli antidolorifici mentre partoriva”.
Solo un uomo, Zhou Nan, è riuscito a sopportare il dolore fino alla soglia di 500. “Sono un padre di tre gemelli e volevo capire l’enorme dolore a cui è stata costretta mia moglie mentre partoriva”, ha detto. “È stato orribile. Non posso che ammirare profondamente tutte le madri dopo questa traversia”.

Ed era proprio questo lo scopo dell’evento: far capire alle persone quanto eccezionali sono le mamme.

Cina, uomini provano il dolore del parto (3)

Non sono stati i primi uomini a sperimentare il famoso dolore del parto; in Olanda, poco più di un anno fa, due presentatori di un programma televisivo si sono sottoposti a un esperimento simile collegando degli elettrodi all’addome simulando i dolori per due ore intere.

Sia i due presentatori che i partecipanti del programma cinese sicuramente non sono riusciti a capire fino in fondo gli sforzi delle donne che partoriscono, anche perché portare un pancione per nove interi mesi non è una cosa così semplice, – e soprattutto non hanno nessun pulsante che permette di interrompere il dolore! – però è stato comunque apprezzato l’interesse.

Samantha, o Sam, classe '88, alla costante ricerca di un lavoro vero mentre vago nei meandri del web scrivendo notizie stupide con due gatti e due coniglietti in braccio.

Rispondi