Punchball umano (1)

Xie Shuiping, punchball umano che si fa prendere a botte per professione

Credo che per nessuno sia piacevole essere presi a botte ma per Xie Shuiping, che lo fa – diciamo – per lavoro, non è poi così male.

Punchball umano (1)

L’uomo, di 48 anni e proveniente dalla Cina, è conosciuto anche come “sacco da pugile umano” e passa il tempo in giro per le strade, i bar o i nightclub offrendosi come volontario per farsi prendere a pugni, in cambio di una quota di denaro.

Punchball umano (2) Ad ogni persona che accetta di prenderlo a botte consente di colpirlo tre volte sullo stomaco, più forte possibile. Gli piace pensare che questo aiuti in qualche modo la società: “Se siete arrabbiati con il vostro capo o con vostra moglie non prendetevela con loro. Sfogate la vostra rabbia su di me. Lasciate che la società sia armoniosa”, ha detto.

Xie ha iniziat questa particolare carriera nel 2004, quando ha preso parte a uno spettacolo promozionare in un supermercato. I clienti potevano colpirlo in testa con delle bottiglie di vino; a quanto pare ha avuto parecchio successo e Xie si è anche divertito, quindi ha continuato a fare spettacoli del genere.

“All’inizio lo facevo per divertimento e non pensavo di poterci vivere. Più tardi ho capito che senza soldi non avrei potuto vivere”, ha detto. Così un giorno ha deciso di sfruttare i suoi addominali piuttosto sviluppati facendo il free-lance. Ad oggi riesce a guadagnare fino a $3,500 al mese!

Il lavoro di Xie non è ben visto da sua moglie e dalle sue figle, che più volte l’hanno incoraggiato a smettere e a cercare un lavoro vero, ma lui è felice così.

Samantha, o Sam, classe '88, alla costante ricerca di un lavoro vero mentre vago nei meandri del web scrivendo notizie stupide con due gatti e due coniglietti in braccio.

Rispondi