Fidanzate virtuali con cui lamentarsi del lavoro

Cina, arrivano le fidanzate virtuali con cui lamentarsi del lavoro


In Cina gli uomini (ma anche le donne) d’affari hanno la possibilità di pagare per una ragazza – o un ragazzo – virtuale con cui potersi lamentare della propria giornata lavorativa.

Fidanzate virtuali con cui lamentarsi del lavoro

Con soli 30 renminbi (equivalente di $5) al giorno è possibile scegliere una persona (sì, nonostante non ci sia alcun contatto fisico, sono persone reali) con varie personalità; i clienti uomini hanno a disposizione “ragazze bambole”, “donne mature” e “ragazza della porta accanto”, mentre le donne possono scegliere tra “uomo in uniforme”, “CEO”, “uomo affascinante” e “uomo rassicurante”. Una volta scelta la propria fidanzata o il proprio fidanzato potrà, a vostra discrezione, chiamare al mattino per dare il buongiorno, dare la buonanotte alla sera, simulare un certo grado di preoccupazione durante il giorno e inviare SMS incoraggianti.

Questi servizi vengono letteralmente venduti da ragazzi e ragazze cinesi tramite Taobao, un sito di e-commerce cinese molto simile a eBay o ad Amazon. Xiaomi, una ragazza di 20 anni che lavora, per arrotondare il suo stipendio ha deciso di diventare una fidanzata virtuale. Non è semplicissimo come sembra, è necessario ricordarsi di effettuare tutte le chiamate a tutti i clienti in tempo e rispondere a tutti. Xiaomi è arrivata ad avere addirittura 500 clienti ed è stata costretta ad assumere sette ragazze part-time che la aiutassero.

Non si è ancora capito se le donne apprezzino questo nuovo servizio che va tanto di moda ultimamente ma gli uomini sembrano davvero adorarlo. “Spendi dai 20 ai 30 renminbi al giorno per far divenire realtà il sogno di un uomo! 100 like!”, ha detto un cliente entusiasta.

Samantha, o Sam, classe '88, alla costante ricerca di un lavoro vero mentre vago nei meandri del web scrivendo notizie stupide con due gatti e due coniglietti in braccio.

loading...

Rispondi