Multe salate e carcere in Corea del Sud per chi vende selfie stick "tarocchi" (2)

Multe salate e carcere in Corea del Sud per chi vende selfie stick “tarocchi”

Nella Corea del Sud il governo ha cominciato da qualche giorno a fare dei controlli tra i rivenditori dei famosi “selfie stick“, multando chi vende prodotti non autorizzati fino a 30 milioni di won (più di 20000€) o dando una pena fino a tre anni di carcere.

Multe salate e carcere in Corea del Sud per chi vende selfie stick "tarocchi" (2)

Gli ormai diffusissimi selfie stick – che, per chi non lo sapesse, sono dei monopiede telescopici usati come bastoni allungabili per scattarsi selfie – vengono considerati in tutto e per tutto delle apparecchiature di comunicazione dal Ministero della Scienza della Corea del Sud in quanto spesso dispongono del bluetooth per scattare il selfie. I dispositivi provvisti di bluetooth, secondo il Ministero, devono avere una certificazione che indica il livello di radiazioni elettromagnetiche che emettono prima di poter essere messe in commercio; nonostante non siano in genere dannose per le persone potrebbero interferire con i dispositivi elettronici circostanti ed è per questo motivo che sono cominciati i controlli.

Multe salate e carcere in Corea del Sud per chi vende selfie stick "tarocchi" (1)

Il governo ha recentemente trovato un elevato numero di dispositivi non certificati; di conseguenza ha ordinato intensi controlli e dispone di un numero di telefono dedicato per i cittadini che trovano rivenditori abusivi per poterli denunciare.

Samantha, o Sam, classe '88, alla costante ricerca di un lavoro vero mentre vago nei meandri del web scrivendo notizie stupide con due gatti e due coniglietti in braccio.

Rispondi