Su Tumbrl arriva il primo Museo al mondo Gluten Free

Negli ultimi anni si è focalizzata moltissimo l’attenzione sui bisogni delle persone celiache o intolleranti ai latticini e al glutine.

Il glutine è una proteina presente nei grani, nell’avena, nell’orzo e nella segale. Ad oggi l’1% della popolazione mondiale ha problemi a digerire in maniera corretta questa proteina e dunque è impossibilitata a mangiare alimenti che la contengano.

Non è raro oggi trovare interi reparti delle farmacie o addirittura supermercati dedicati ai celiaci, ma nessuno fino ad oggi aveva mai immaginato l’arte vista con gli occhi di un celiaco.

vermeer gluten free

Ci ha pensato però un profilo Tumbrl chiamato Gluten Free Museum, il primo Museo virtuale Gluten Free, dove le grandi opere classiche vengono reinterpretate in chiave “No Glutine”.

Così, il Déjeuner sur l’herbe di Manet, Le Petit Parisien di Willy Ronis e persino le vecchie pubblicità Guinness, i Simpson, i  si trasforano e diventano senza glutine.

Un bellissimo lavoro di fotoritocco che trasforma le vecchie opere eliminando tutti gli alimenti contenenti il glutine.

Lavori a volte impercettibili ad uno sguardo frettoloso, ma sicuramente un lavoro apprezzatissimo da chi con questa malattia è costretto a convivere tutti i giorni.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Simone, 27enne, informatico per passione, perdi tempo per mestiere. Costantemente alla ricerca delle notizie più trash. Fondatore e autore del sito dal 2006.

loading...

Rispondi