Nato in Giappone il primo smartphone lavabile


Lo smartphone è uno degli oggetti che usiamo di più durante la giornata, sia fuori che quando siamo a casa. Se ci pensate bene è una delle cose più sporche e piene di germi che abbiamo ed è per questo che un’azienda giapponese ha creato il primo smartphone lavabile.

smartphone-lavabile

È stato chiamato Digno Rafre il primo smartphone completamente lavabile, ideato dalla Kyocera Telecom. Ha un processore Snapdragon 410 ed è grande 5 pollici ma la cosa più interessante è che, per renderlo completamente impermeabile, al posto degli altoparlanti ha un sistema che permette di trasmettere i suoni attraverso le vibrazioni dello schermo, sistema ideato qualche tempo fa dalla stessa Kyocera. Anche la fotocamera da 13MP – 2MP quella frontale – è completamente resistente all’acqua.

Nato in Giappone il primo smartphone lavabile

Il Digno Rafre, oltre ad essere lavabile, è ideale per i ragazzini/bambini e per le persone un po’ impacciate che fanno cadere il telefono ogni due per tre. L’azienda, insieme allo smartphone, vende anche un supporto di gomma galleggiante a forma di papera da usare in vasca – così potete farvi i selfie sexy e mandarli su Snapchat senza paura di annegare il vostro smartphone.

Supporto di gomma papera - DIgno Rafre

Ma come si lava questo Digno Rafre? L’azienda consiglia di lavare le mani con del sapone e di sfregare la schiuma ottenuta sul telefono per poi sciacquarlo sotto l’acqua corrente. Non abbiate timore di strisciarlo; la cover posteriore è stata creata apposta per evitare i graffi.

Passiamo alle caratteristiche tecniche, visto che non vedete l’ora di averlo. Ha una memoria di 16GB, 2GB di RAM e costa ¥57,420, pari a circa €500. C’è un problema però: la Kyocera al momento non ha in programma di venderlo al di fuori del Giappone. Insomma, dobbiamo trovare qualche amico che faccia un giro lì.

Samantha, o Sam, classe '88, alla costante ricerca di un lavoro vero mentre vago nei meandri del web scrivendo notizie stupide con due gatti e due coniglietti in braccio.

Rispondi