Regista sostituisce il suo (finto) occhio con una videocamera

loading...

Un regista di Toronto ama così tanto il suo lavoro che ha sostituito uno dei suoi due occhi con una piccola videocamera. Precisiamo: l’occhio che ha sostituito non è quello vero ma uno finto, che ha da quando era bambino.

rob-spence-eyeborg

Rob Spence – che si fa chiamare Eyeborg – ha perso la vista dall’occhio destro a causa di un incidente quando aveva nove anni. Da quel momento vive con un bulbo oculare finto e qualche anno fa ha pensato che sarebbe stato più interessante rimpiazzarlo con qualcosa di più utile, ovvero una videocamera di sua invenzione, per poter riprendere tutto quello che vuole in qualsiasi momento, letteralmente dal suo punto di vista.

Regista sostituisce il suo (finto) occhio con una videocamera

L’occhio-camera sembra una protesi ma non è connessa al nervo ottico. Spence quindi non può effettivamente vedere direttamente quello che riprende ma si serve di un monitor. Non è accesa 24 ore su 24, è possibile accenderla e spegnerla con un pulsante e riesce a filmare fino a tre minuti prima di surriscaldarsi troppo; in quel caso è necessario toglierla dalla cavità. Il suo sogno è di poter filmare per ore e sembra che la cosa non sia impossibile.

Fino ad ora, Spence si è servito del dispositivo per intervistare persone con braccia e gambe bioniche per un documentario che gli è stato commissionato su protesi e cibernetica.

Non ci sono stati solo commenti del tipo “Oh, che figata!” ma anche alcune preoccupazioni sulla privacy, come qualsiasi tecnologia di videocamera nascosta.

Samantha, o Sam, classe '88, alla costante ricerca di un lavoro vero mentre vago nei meandri del web scrivendo notizie stupide con due gatti e due coniglietti in braccio.

Rispondi