Le migliori scuse degli studenti per non aver fatto i compiti

Le 15 scuse più assurde degli studenti per non aver fatto i compiti


Un utente di Reddit ha chiesto agli insegnanti quali fossero le migliori scuse degli studenti per non aver fatto i compiti o per aver fatto tardi a scuola. Ne sono venute fuori di tutti i colori… Ecco le migliori!

Le migliori scuse degli studenti per non aver fatto i compiti

  1. Insegnanti che (inizialmente) ci credono davvero

    All’insegnante di una scuola di campagna è stato detto da uno studente che non aveva fatto i compiti che la sua capra gli aveva mangiato il quaderno in cui li aveva fatti. Visto che le capre mangiano davvero tutto ci aveva anche creduto ma, quando la madre dello studente si è fatta vedere per altri motivi, è scoppiata a ridere quando ha sentito la scusa che aveva inventato il figlio.

  2. Tutta colpa delle mamme

    Semplicemente, uno studente ha detto di non aver fatto i compiti perché la mamma si era dimenticata di dirgli di farli.

  3. Tutta colpa delle mamme 2

    Un ragazzino di 11 anni ha detto che i compiti effettivamente li aveva fatti ma che la mamma si era dimenticata di mettere il quaderno nello zaino.

  4. Quando il papi ti vieta di usare la Ferrari

    Un insegnante di una scuola per ricchi ha sgamato subito la scusa assurda con cui se ne è uscito un suo studente. Questo arrivava sempre in ritardo a scuola di cinque-dieci minuti, non tardissimo ma comunque abbastanza per far arrabbiare gli insegnanti e farlo sospendere. Un giorno un insegnante si è trovato da solo con lui dopo che i compagni sono usciti e, spontaneamente, si è sentito in dovere di scusarsi dicendo che il motivo per il quale arrivava sempre in ritardo era che suo papà non gli permetteva di usare la Ferrari per andare a scuola e che la Range Rover era molto più lenta. Dopo aver approfondito le dinamiche e aver saputo che l’autista personale accompagnava a scuola lui, la sorella e un vicino di casa, l’insegnante gli ha chiesto com’era possibile che la Ferrari che aveva, da due posti, potesse trasportare quattro persone. A quel punto, il ragazzo ha abbassato lo sguardo e ha confessato: “È che non riesco ad alzarmi in tempo”.

  5. Storie di altruismo

    Una studentessa ha detto di non essere riuscita a fare i compiti perché era all’allenamento di football del fratello; si era portata i compiti da fare ma, casualmente, quel giorno non si è presentato l’allenatore, quindi lei si è proposta di allenare la squadra, sacrificando i suoi esercizi per casa.

  6. Gatti troppo coccoloni

    La scusa di uno studente di un apprendistato per elettricisti – dove l’età minima è di 18 anni – per non aver svolto i compiti per casa è stata: “Il mio gatto voleva le coccole”.

  7. Colpa della Terra troppo ferma

    Il compito per casa era di tenere traccia dei terremoti per un mese, riportando i dati ogni settimana. Un venerdì, la classe si è presentata senza alcuna rilevazione dicendo che nel mondo, quella settimana, non c’erano stati terremoti.

  8. Poca autostima

    Uno studente di terza media ha detto che i compiti li aveva fatti ma, convinto fossero sbagliati, li ha cancellati.

  9. Scuse in collaborazione con la madre

    Appena entrato in classe, uno studente porge il telefono all’insegnante, dove c’è un SMS della madre in cui spiega che il motivo per il quale non ha potuto portare i compiti o mandarli per email è che la polizia ha confiscato il loro computer portatile.

  10. Scuse in collaborazione con la madre 2

    La scusa preferita di un insegnante è stata: “Kevin non ha potuto fare i compiti ieri sera perché è rimasto fuori fino a tardi per dare da mangiare ai gufi”.

  11. Finti hacker di compiti

    Un insegnante di informatica afferma che gli capita spesso di avere studenti poco furbi che usano la scusa del virus nel PC o del file corrotto, quando molto spesso – o meglio, quasi sempre – non fanno altro che rinominare un file tipo .mp3 in un file .docx.

  12. Giornate piene di imprevisti

    Lo studente in questione giocava a basket e ha detto di non essere riuscito a fare i compiti per casa a causa della partita che aveva dopo la scuola. Tornato a casa i genitori gli hanno chiesto di tagliare l’erba, occupandolo fino a mezzanotte. E, fatalità, proprio quando ha finito la sorella si è sentita male e hanno dovuto portarla al pronto soccorso.

  13. Mestruazioni pareva brutto?

    Giustificazione per non aver fatto i compiti scritta dalla madre: “La prego di giustificare Lupe. Ha avuto problemi con le sue ovaie”.

  14. Mai affidarsi ai giornali

    Altra giustificazione sul libretto per un’assenza di lunedì. “La prego di giustificare Jennifer per aver saltato la scuola ieri. Ci siamo dimenticati di prendere il giornale della domenica dal portico e quando l’abbiamo trovato, lunedì, pensavamo fosse domenica”.

  15. Pura e semplice verità

    Ogni tanto capita di non usare scuse ma di dire solo la verità. Un ragazzo, in quarta superiore, ha semplicemente detto di non aver fatto i compiti perché ha iniziato a vedere Breaking Bad e non è riuscito a smettere perché era troppo bello. Al che, l’insegnante non ha potuto far altro che ridere e accettare le scuse sincere.

Samantha, o Sam, classe '88, alla costante ricerca di un lavoro vero mentre vago nei meandri del web scrivendo notizie stupide con due gatti e due coniglietti in braccio.

Rispondi