Appuntamenti al buio organizzati da anziani cinesi al bar dell’IKEA


Un negozio IKEA di Shanghai, Cina, è stato costretto ad applicare alcune regole speciali per gli anziani che da anni invadono gli spazi del bar per i loro appuntamenti al buio senza consumare nulla.

appuntamenti-al-buio-ikea-anziani

Non è per niente raro andare all’IKEA per fare un giro, passare il tempo, godersi l’aria condizionata; nonostante i loro guadagni siano comunque molto alti, ci sono anche molti clienti che vagano per ore e ore senza spendere un centesimo ma nessuno se ne è mai lamentato. Il problema comincia ad essere tale quando decine di persone occupano per ore alcuni spazi comuni, come appunto i tavoli del bar, che andrebbero utilizzati per consumare appunto i cibi e le bevande del bar; alcuni anziani, ad esempio, hanno pensato di utilizzare gli spazi dedicati al bar dell’IKEA per organizzare appuntamenti al buio tra di loro.

Questi anziani, che ogni tanto arrivano ad essere anche un centinaio, non solo si piazzano ai tavoli del bar senza consumare nulla ma hanno anche un comportamento piuttosto incivile: parlano a voce alta, si portano cibi e bevande da casa o presi da altre parti, sputano, litigano e capita che si azzuffino.

appuntamenti-al-buio-ikea-anziani-2

Lo staff dell’IKEA ha pensato di applicare una regola per tentare di scoraggiare questo gruppo di anziani, ovvero di dover necessariamente acquistare qualcosa al bar prima di potersi sedere. Non è servito a molto però: gli anziani hanno cominciato a prendere una brioche economica e lasciarla sul tavolo, in modo che lo staff non possa infastidirli. Così circa 700 anziani cinesi alla settimana continuano a trovarsi a questi appuntamenti al buio facendo quello che vogliono.

Samantha, o Sam, classe '88, alla costante ricerca di un lavoro vero mentre vago nei meandri del web scrivendo notizie stupide con due gatti e due coniglietti in braccio.

Rispondi