Contadino indiano venera Trump e vuole erigere un tempio in suo onore

Di solito le persone pregano le divinità ma ogni tanto capitano cose assurde – ed è qui che entriamo in scena noi: un contadino indiano prega ogni giorno il presidente degli Stati Uniti d’America Donald Trump davanti all’altarino che ha costruito in suo onore, dove c’è una foto del presidente.

venera-trump

Bussa Krishna non è nemmeno un sostenitore del presidente Trump ma ogni giorno, più volte al giorno, prega di fronte a un altarino dedicato a lui e si porta dietro la foto del presidente ovunque vada.

La famiglia e gli amici di Bussa lo considerano un pazzo a venerare Donald Trump allo stesso modo in cui loro venerano le divinità induiste ma lui sembra non preoccuparsene, anzi, continua a pregarlo sempre con devozione sempre maggiore.

Non si capisce quando Bussa abbia cominciato a venerare Donald Trump, alcuni sostengono abbia cominciato tre anni fa quando ha annunciato la sua candidatura come presidente degli Stati Uniti, altri che abbia iniziato a febbraio dello scorso anno, in seguito all’uccisione di un ingegnere informatico indiano da parte di un veterano della Marina Militare statunitense.

venera-trump

“Ero molto afflitto a causa dell’incidente. Ho pensato che l’unico modo per fare in modo che il presidente degli Stati Uniti e la sua gente potessero capire la grandezza degli indiani fosse dimostrare il nostro amore e il nostro affetto verso di loro”, ha dichiarato Bussa. “È per questo che ho iniziato a onorare Trump con la speranza che le mie preghiere potessero raggiungerlo un giorno. Credo che gli indiani possano vincere su tutti con i loro poteri spirituali. Quando non puoi prendertela direttamente con qualcuno di potente, puoi persuaderlo con l’amore e onorarlo ed è quello che sto facendo”.

venera-trump

La sua famiglia, dopo essersi trasferita per non vedere più l’altarino dedicato a Trump, gli ha consigliato seriamente di andare da uno psicologo ma lui gli ha risposto: “Non ne ho bisogno, magari potreste andare voi, perché lui è il mio Dio e non m’importa di quello che dice la gente”. Il suo prossimo piano è addirittura quello di erigere un tempio in onore di Trump.

Samantha, o Sam, classe '88, alla costante ricerca di un lavoro vero mentre vago nei meandri del web scrivendo notizie stupide con due gatti e due coniglietti in braccio.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.