Pokertox, il botulino per avere la faccia da Poker perfetta

Non è una vera e propria novità ma sicuramente merita di essere raccontata. Parliamo del Pokertox una particolare tecnica di chirurgia facciale in grado di garantire ai giocatori professionisti una perfetta poker face.

Il pokertox è stato inventato qualche anno fa dall’esperto americano Jack Berdy, la cui scommessa è quella di convincere quanti più giocatori nell’ambiente di Las Vegas a sottoporsi a piccoli interventi di botox facciale per ridurre al minimo le loro espressioni facciali e contribuire così a soddisfare la propria voglia di vincere durante le partite di Poker.

Il bluff e le reazioni spontanee, i cosiddetti poker tells non saranno più un problema per i giocatori, il pokertox annullera qualsiasi movimento facciale e i giocatori potranno finalmente dimenticarsi travestimenti quali: occhiali, cappelli, cuffie e altri oggetti che nascondono il più possibile il volto di chi li indossa.

Sono parecchi i movimenti facciali dei giocatori di poker quando si ritrovano in mano un punteggio alto, ad esempio alcuni alzano involontariamente il sopracciglio, inarcandolo, altri invece fanno strani movimenti con la bocca, come ad esempio chiuderla a becco o aprirla in versione duck face. Il metodo di Jack Berdy si rivolge proprio a loro, per aiutarli a nascondere questi riflessi spontanei.

Allo stesso modo, un altro utilizzo del Pokertox potrebbe essere quello di creare volontariamente delle espressioni che facciano pensare ad un movimento spontaneo, ma che in realtà è solo il risultato del botulino, aiutando in questo modo i giocatori a bluffare.

Molti professionisti del poker si sono però dimostrati scettici sull’utilità di un intervento chirurgico: “Il poker tell ormai è un metodo di gioco superato da quasi 10 anni. Ormai il gioco si è evoluto e oggi punta molto di più sul calcolo matematico e sull’analitica” – afferma Jay Melancon.

Anche Ellen Leikind è della stessa idea: “L’idea è sicuramente geniale a livello di marketing, ma esistonoo alcuni poker tells per cui la chirurgia non può fare nulla, come ad esempio la sudorazione, le vene che si gonfiano sul collo o ancora la tendenza a parlare molto.

A questo bisogna aggiungere che il botox non è sicuramente un metodo molto salutare per l’uomo, la sua tossina di base infatti, la botulinica, è un vero e proprio veleno che immobilizza i muscoli per parecchio tempo, fino a quando il nostro corpo non riesce ad assorbirla e ad assorbirla completamente.

In ultimo, ma non meno importante, Berdy non è neanche un medico chirurgo, e questo la dice lunga su quanto un metodo del genere possa essere efficace e sano.

Nonostante questo Berdy spera di poter fare jackpot con la sua proposta: “Il pokertox unisce due mie grandi passioni, il gioco d’azzardo e la medicina estetica” – ha dichiarato; e forse non ha neanche sbagliato business, considerando che ogni applicazione di botox ha una durata di circa 3, 4 mesi e che dopodiché si deve nuovamente intervenire per ripristinare l’effetto desiderato.

Insomma, Berdy potrà anche aver convinto qualcuno, ma ancora la sua idea non è riuscita a sfondare nel mondo del gioco d’azzardo.

Simone, 29enne, informatico per passione, perdi tempo per mestiere. Costantemente alla ricerca delle notizie più trash. Fondatore e autore del sito dal 2006.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.