Azienda di LA vende fazzoletti usati per farti ammalare quando vuoi tu

Avete esaurito le migliori 10 scuse per uscire prima da lavoro ma siete comunque troppo stressati? Potreste usare questi fazzoletti che ti fanno ammalare per ammalarvi davvero e stare a casa da lavoro un paio di giorni!

fazzoletti-usati-per-ammalarsi

Esistono davvero e sono dei fazzoletti usati in cui qualcuno ci ha già starnutito dentro. Vengono venduti dalla Vaev, un’azienda di Los Angeles, a $79.99 – sì, è assurdo – e dicono che l’idea gli è venuta per far decidere alle persone quando ammalarsi, per decidere in autonomia quando ammalarsi evitando quindi di prendere il raffreddore o l’influenza in periodi in cui magari non ce lo possiamo permettere.

A me in realtà ricordano le invenzioni dei gemelli Weasley (Harry Potter, nel caso stessero leggendo quelle due o tre persone che ancora non lo hanno visto) per saltare le lezioni.

Se state pensando che sarebbe da pazzi acquistare dei fazzoletti usati a ottanta dollari, vi informiamo che l’azienda ne ha già venduti quasi un centinaio.

Il fondatore della Vaev sostiene che la sua idea di vendere fazzoletti usati dovrebbe essere considerata un’alternativa alla medicina tradizionale perché permette di ammalarsi a piacimento, in modo da diminuire le probabilità di raffreddarsi in un secondo momento senza poterlo prevedere.

Potrebbe essere tanto assurdo quanto geniale, proprio come piace a noi. Se abbiamo deciso di andare in ferie a febbraio e abbiamo programmato un viaggio alle Canarie, sarebbe effettivamente utile ammalarsi verso metà/fine gennaio in modo da guarire in tempo per le ferie.

fazzoletti-usati-per-ammalarsi

E poi c’è la scienza che ci riporta con i piedi per terra, spiegando che i virus che ci fanno prendere il raffreddore sono tantissimi, circa 200, e che quindi ammalarci con un fazzoletto usato ci rende temporaneamente immuni solo dal virus contenuto in quel fazzoletto.

Ma torniamo a sognare di poterci ammalare a piacimento. Non siete curiosi di sapere come funziona?

La Vaev ingaggia una decina di “starnutatori”, tra cui anche online, a cui fanno avere un certo numero di fazzoletti in cui starnutire. Questi starnutatori poi restituiscono i fazzoletti usati all’azienda che li chiude in piastre di Petri, che permettono ai batteri di sopravvivere. A questo punto i fazzoletti usati non aspettano altro che farsi comprare dai clienti che vogliono ammalarsi di proposito.

Samantha, o Sam, classe '88, alla costante ricerca di un lavoro vero mentre vago nei meandri del web scrivendo notizie stupide con due gatti e due coniglietti in braccio.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.