Le medaglie delle Olimpiadi di Tokyo 2020 saranno tutte prodotte con materiali riciclati

Un piccolo passo per lo smaltimento dei rifiuti, un grandissimo passo per l’uomo.

E’ notizia di pochi giorni fa quella proveniente dagli organizzatori di Tokyo 2020, le prossime Olimpiadi e Paralimpiadi organizzate in Giappone. Per la prima volta nella storia delle Olimpiadi, le medaglie degli atleti saranno completamente realizzati con materiali riciclati.

Il progetto, sponsorizzato dal governo giapponese, coinvolge in una sorta di raccolta collettiva, tutti i cittadini giapponesi, chiedendo loro di donare alla causa, vecchi dispositivi elettronici e altri oggetti che possano contribuire a raccogliere i metalli preziosi di cui sono fatte le medaglie olimpiche.

La raccoltà continuerà fino al 31 marzo e gli organizzatori hanno già fatto sapere che l’obiettivo di raccolta sarà raggiunto al 100%.

Una volta raccolti, i dispositivi donati verranno smontati pezzo per pezzo da alcune aziende specializzate.

I metalli preziosi saranno poi fusi per la realizzazione di circa 5000 medaglie. La richiesta è di 2.700 chili di bronzo, 30,2 chili di oro e di 4.100 chili di argento.

Simone, 29enne, informatico per passione, perdi tempo per mestiere. Costantemente alla ricerca delle notizie più trash. Fondatore e autore del sito dal 2006.

One thought on “Le medaglie delle Olimpiadi di Tokyo 2020 saranno tutte prodotte con materiali riciclati

  1. …e così gli organizzatori risparmieranno un sacco di quattrini : 2.700 kg. di bronzo = 162.000 euro, 30,2 kg. oro = 1.135.000 euro 4.100 kg. argento= 1.353.000 euro.
    Totale : 2.650.000 euro. Più che ‘un grandissimo passo per l’uomo’ mi viene in mente ‘ogni minuto nasce un pollo’…

Rispondi a Paolo Ghezzi Annulla risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.