Chiesa di giorno, birreria di sera. In Belgio il primo Church Bar

A Brielen, una piccola cittadina nel Belgio, a malapena 700 abitanti, da qualche anno si rinnova una tradizione alquanto particolare.

Abituati da sempre a partecipare alla messa per poi ritrovarsi nell’unico bar del paese, i cittadini si sono trovati le proprie vite stravolte quando il piccolo locale è stato costretto a chiudere per sempre.

Fortunatamente il parroco, appassionato di “bionde”, ha avuto un’idea geniale e ha deciso di trasformare la chiesa dopo la messa in una birreria, aperta a tutti i fedeli.

Alcuni dicono che l’alcol sia la bevanda del diavolo, ma per Brielen e i suoi abitanti la birra si è trasformata in un’occasione per attirare più fedeli in chiesa ed evitare che questi scappino dal proprio paese per poter passare qualche ora di svago altrove, nei paesi limitrofi.

Nonostante l’apertura delle porte ai devoti del luppolo, le regole rimangono ferree: può partecipare solo chi assiste alla messa, musica e balli sono proibiti e all’1 in punto tutti a casa, per evitare che qualcuno possa alzare troppo il gomito.

Hater – L’app per trovare persone che odiano le tue stesse cose

Dopo Grindr, Tinder, Blendr e tutti gli altri servizi in grado di avvicinare persone con gli stessi interessi, finalmente sbarca nel mondo degli incontri online, un’app in grado di aiutare i suoi utenti a trovare persone che nutrono odio per le stesse cose o persone.

Hater, fondata da Brendan Alper, è nata come uno scherzo tra amici e si è in brevissimo tempo trasformata in qualcosa di reale, anche dopo aver condotto alcune ricerche che confermavano la sua intuizione iniziale.

Hater avvicina le persone grazie a quello che le allontana dagli altri. Un concetto semplice ma efficacissimo.

L’applicazione, in beta test da Dicembre è stata lanciata ufficialmente su apple store ieri 8 Febbraio 2017 e a brevissimo su google play.

“Vogliamo che le persone possano esprimersi più onestamente. E poi è molto più semplice iniziare una conversazione con una persona che odia i cetrioli” – ha dichiarato il CEO delll’azienda.