Passeggero ubriaco viene legato al sedile dell’aereo

In un volo transatlantico per New York della IcelandAir uno dei passeggeri è stato legato con il nastro adesivo al suo sedile a causa del suo comportamento molesto.

Passeggero ubriaco viene legato al sedile dell'aereo

Gudmundur Karl Arthorsson, ingegnere di 46 anni, ha cominciato ad essere un po’ troppo turbolento durante il volo: ha cercato di strozzare la donna che gli sedeva accanto e ad urlare che l’aereo stava per schiantarsi, così gli altri passeggeri hanno deciso di legarlo per evitare che facesse danni peggiori. Fortunatamente, il tutto è successo a due ore dalla fine del volo.

Quando l’aereo è atterrato l’uomo è stato scortato dalla polizia e portato subito all’ospedale.

Un testimone dell’accaduto ha mandato una foto ad Andy Ellwood, uomo d’affari newyorkese, che l’ha postata nel suo blog Tumblr.

Il vicepresidente della IcelandAir, Guðjón Arngrímsson, ha confermato che l’uomo si stava comportando in modo aggressivo e pericoloso per gli altri passeggeri ma non ha commentato la foto.
Il pubblico ministero ha deciso di non denunciare l’ingegnere perché i presenti non hanno voluto parlare dell’accaduto con le autorità.

Genitori le vietano internet, lei droga i frullati (1)

I genitori le vietano internet dopo le 22, lei gli droga il frullato

Genitori le vietano internet, lei droga i frullati (1) A Rocklin, California, il 28 dicembre scorso una ragazza di 16 anni ha drogato i genitori per potersi connettere ad internet.

La ragazza (di cui non si sa il nome data la minore età), stanca di non poter navigare in internet dopo le 10 di sera, ha usato i sonniferi di un’amica (15 anni) a cui erano stati prescritti per far addormentare i genitori.

Genitori le vietano internet, lei droga i frullati (2)

Gli è sembrato strano che la figlia si offrisse di andare a comprar loro dei frullati ma inizialmente non ci hanno fatto molto caso, così il papà ne ha chiesto uno al cioccolato, mentre la mamma uno alla vaniglia. Quando li hanno assaggiati hanno sentito che avevano un sapore piuttosto strano ma, nonostante non ne abbiano bevuto nemmeno metà, è bastato per farli addormentare profondamente e permettere così alla ragazza di connettersi ad internet.
I genitori si sono svegliati il mattino seguente un po’ confusi e non ricordando esattamente cosa fosse successo la sera prima, così si sono sottoposti ad un test antidroga, anche perché non era la prima volta che succedeva: la madre afferma che c’è stato un altro episodio simile.

Le ragazze hanno ammesso alla polizia di aver messo dei sonniferi nelle bevande e sono state così arrestate e portate in un carcere minorile.

Gengive tatuate di nero

Nell’Africa dell’ovest va di moda tatuarsi le gengive di nero

Nei piccoli paesini e nei villaggi dell’Africa dell’ovest, come ad esempio nel Senegal, va molto di moda tatuarsi le gengive di nero. E non da poco; è una popolare tradizione antica che va avanti da generazioni.
Oltre a rendere le donne più attraenti, è anche un modo per mantenere i denti sani.

Gengive tatuate di nero

A Thiès, Marième è una delle ragazze che ha deciso di farsi tatuare le gengive. Il processo è molto doloroso e prima di iniziare ha affermato: “Voglio delle gengive nere per avere un sorriso più bello. È diventata un’ossessione. Ho paura della procedura ma andrà tutto bene”.

La donna che le ha tatuato le gengive dice che sono sempre meno le donne che lo fanno ma alcune sono ancora interessate, specialmente le ragazze che stanno cercando un uomo.
Afferma inoltre che, nonostante non sia una pratica per uomini, ce ne sono alcuni che lo fanno per la cura dei propri denti.

Tailly la coda indossabile che scodinzola (1)

Tailly, la coda indossabile che scodinzola quando ti ecciti

Direttamente dal Giappone, ecco una nuova invenzione: la coda per umani che può essere indossata e che scodinzola in proporzione al battito cardiaco.

Tailly la coda indossabile che scodinzola (1)

La coda è attaccata ad una cintura con all’interno dei sensori che percepiscono le pulsazioni di chi la indossa; più veloci sono, più velocemente scodinzola. Quando invece si indeboliscono, rallenta.
Sarebbe divertente indossarla alle feste, con gli amici, o mentre si gioca con i bambini. Shota Ishiwatari, l’inventore, suggerisce anche di indossarla ad un appuntamento per esprimere in maniera visibile i propri sentimenti!
È convinto che diventerà presto molto famosa e spera che possa essere messa in vendita in Inghilterra.

Tailly la coda indossabile che scodinzola (2) Tailly la coda indossabile che scodinzola (3) Tailly la coda indossabile che scodinzola (4)

Non c’è ancora un prezzo di vendita in quanto Tailly è ancora un prototipo. Nel sito a cui si appoggia l’inventore per raccogliere i fondi (che potete trovare cliccando qui) è possibile fare una donazione fino al 6 gennaio; se verrà raggiunta la quota prestabilita, £ 60.000, verranno prodotte 3.000 Tailly entro agosto 2013.

Kidogo, il gorilla funambolo

Kidogo è un gorilla di 12 anni trasferito allo Krefeld Zoo in Germania lo scorso marzo, a causa dell’infertilità del precedente gorilla Massa. Prima si trovava allo Givskud Zoo, in Danimarca.
All’inizio aveva nostalgia di casa; sembrava disinteressato e non riusciva ad adattarsi, così hanno pensato di aggiungere una fune nella sua recinzione per farlo distrarre un po’. Sono stati tutti molto sorpresi quando, invece di appendersi alla corda, ha cominciato a camminarci sopra!

Il gorilla è diventato una sorta di artista ed è già stato paragonato all’acrobata Nik Wallenda, la prima persona che ha attraversato le cascate del Niagara camminando su una fune.
Kidogo (che tradotto dallo swahili significa “piccolo”) è soprannominato “Re Kodo” dai suoi custodi ed è in compagnia di due gorilla femmine, Muna di 23 e Oya di 24 anni.

Ragazzino cinese denti da vampiro (1)

Ragazzino cinese con denti da vampiro

Ad un ragazzo cinese (Chongqing, Cina meridionale) di 16 anni, Wang Pengfei, sono cresciuti due denti da vampiro. La mamma Wang Hui, preoccupata, l’ha portato in ospedale, anche se era già andata da altri dottori e specialisti, senza avere riscontri positivi.
Il ragazzo, appena nato, aveva pochi capelli e gli sono cresciuti solamente da qualche settimana questi due denti dalla forma bizzarra.

Ragazzino cinese denti da vampiro (1)

Ragazzino cinese denti da vampiro (2)

La mamma dice che Pengfei con il tempo è diventato sempre più solitario a causa della sua condizione ed è talmente timido che si rifiuta di farsi fotografare; quando però a scuola sente che qualche compagno sparla di lui o che continua a fissarlo, lo attacca.

I dottori dicono che potrà essere operato quando diventerà adulto; l’operazione potrebbe costare da 70.000 ad un milione di yuan, pari a circa 8.500 e 120.000 €.

Tacchino che si crede un cane (1)

Il tacchino che si crede un cane

Cranberry è un tacchino di otto anni salvato da un probabile cenone natalizio che ora si crede un cane. Le piace essere portata fuori, ha una cuccia tutta sua e abbaia!

Tacchino che si crede un cane (1)

Dawn e Jerry Watkins, che dirige un centro di riabilitazione per cavalli (HorseWorld, Bristol, UK), hanno deciso di adottarla dopo aver ricevuto una chiamata in cui avvisavano di aver visto un tacchino girovagare in un parcheggio. Inizialmente avevano paura di farla conoscere ai loro due labrador Teal e Widgeon ma sono rimasti sorpresi vedendo che tutti e tre erano curiosi di conoscersi e hanno cominciato subito ad andare d’accordo. Ora Cranberry è il leader del branco canino.

Il signor Watkins afferma che il tacchino mangiava tranquillamente dalle ciotole dei cani quando non ne aveva ancora una tutta per sé, senza che loro l’attaccassero.
Ogni mattina li fanno uscire insieme; quando tornano, Cranberry va nella sua cuccia, anche se le piace girare per casa ed essere coccolata.

Tacchino che si crede un cane (3)Tacchino che si crede un cane (2)Tacchino che si crede un cane (4)Tacchino che si crede un cane (5)

bar per sole donne

A Tokyo apre il bar per sole donne dove si parla di piacere sessuale

bar per sole donneA Shibuya, Tokyo, ha da poco aperto un bar molto particolare; dietro alle bariste, oltre ai soliti vini e altre bevande alcoliche, ci sono anche vibratori e altri “piacevoli” giocattoli, una vera collezione che supera i 50 tipi di prodotti.

Nel bar, che si chiama Love Joule, non sono ammessi uomini, a meno che non siano accompagnati da una donna.

Lo scopo del bar è permettere alle donne di avere un posto dove poter parlare liberamente di masturbazione, argomento che molto spesso sembra essere ancora un tabù per le donne, soprattutto in posti come il Giappone.

La manager del Love Joule, Megu, dice:  “Le clienti sono contente di avere un posto dove parlare liberamente del proprio piacere fisico”.

È spesso frequentato da alcune donne famose, come la pornostar Nayuka Mine e la modella Sayo Hayakawa, notizia che ha dato ancora più visibilità al locale facendolo diventare famoso in breve tempo.