Ruba un treno e si schianta contro una casa (1)

Donna delle pulizie ruba un treno e si schianta contro una casa

Qualche giorno fa a Saltsjöbaden, frazione del comune di Nacka poco lontano da Stoccolma, verso le 3:00 un treno dove al posto di comando c’era una donna delle pulizie si è schiantato contro una casa.

Ruba un treno e si schianta contro una casa (1)

Una donna delle pulizie di 20 anni ha cominciato a guidare il treno (dove non c’erano più passeggeri) dalla stazione di Neglinge, a due fermate/tre minuti da Saltsjöbaden, e non a 10 chilometri all’ora come di consuetudine, ma a 70, si ipotizza.
Attorno alle 3 di notte, quando il treno è arrivato al capolinea, non si è fermato ed è finito nella cucina di una casa a tre piani.

Nessuno in casa è rimasto ferito; la donna che è stata trovata al posto di comando, però, è stata portata all’ospedale in elicottero in quanto presentava ferite gravi. I soccorsi ci hanno messo due ore per tirarla fuori, mentre al momento il treno è ancora lì. Stanno valutando come rimuoverlo senza danneggiare ulteriormente la casa, che è stata evacuata per ragioni di sicurezza.

Non sappiamo ancora perché la donna fosse al posto di comando“, ha detto il portavoce dei trasporti di Stoccolma Jesper Pettersson. La Polizia sta investigando sul caso.

Ruba un treno e si schianta contro una casa (2) Ruba un treno e si schianta contro una casa (3) Ruba un treno e si schianta contro una casa (4) Ruba un treno e si schianta contro una casa (5) Ruba un treno e si schianta contro una casa (6)

Aspirante ninja taglia le lattine con le carte

Aspirante ninja taglia le lattine con le carte

Un ragazzo cinese di Hubei è diventato famoso dopo aver postato un video su YouTube in cui lancia carte di plastica contro delle lattine, tagliandole.

Aspirante ninja taglia le lattine con le carte Feng Yangxu, che ha 23 anni e vive a Xishui, nella provincia di Hubei (Cina), riesce a lanciare le carte a velocità talmente elevata con così tanta precisione che riesce a tagliare persino delle lattine di alluminio.
Nel video lo vediamo in mezzo ad un pubblico di ragazzini curiosi che lo guardano mentre colpisce prima degli ortaggi e poi delle lattine, facendo vedere che non c’è nessun trucco strappando le carte.

Inizialmente non riusciva a tagliare nemmeno un foglio di carta, ammette Feng, ma dopo anni e anni di pratica è riuscito a passare addirittura all’alluminio.
I suoi amici gli hanno anche dato un soprannome: Awesome Flying Cutter, che letteralmente vuol dire “favoloso tagliatore volante”.

Remake di Toy Story con giocattoli veri

Remake di Toy Story con giocattoli veri

Remake di Toy Story con giocattoli veri Jonason Pauley e Jesse Perrotta, due registi amatoriali, hanno realizzato un remake del famoso film della Pixar del 1995, Toy Story, con dei veri giocattoli e l’hanno postato su YouTube.

Avevano rispettivamente 17 e 18 anni quando nel giugno del 2010 hanno iniziato le riprese, mettendoci in totale due anni e mezzo per ultimarlo. In alcune parti hanno usato la tecnica dello stop-motion.
Il remake del film intero comprende anche la colonna sonora e sappiamo tutti che con i diritti d’autore non si scherza; difatti i ragazzi sono dovuti andare personalmente nella sede centrale della Pixar, in California, a consegnare il loro film.

L'uomo che ha un treno nel seminterrato (2)

L’uomo che ha un treno nel seminterrato

Il canadese Jason Schron ha speso 10.000 dollari e quattro anni e mezzo della sua vita per costruire, nella sua abitazione a Vaughan, Ontario, una replica di un vagone dei treni canadesi VIA del 1980.

L'uomo che ha un treno nel seminterrato (2) “Il treno è il posto in cui mi sento a casa”, afferma Schron. “È dove mi sento in pace. Specialmente mentre sfreccia a 130km/h quando nevica o quando piove fuori – è il posto perfetto in cui stare”.

Purtroppo non poteva chiedere alla sua famiglia di vivere in un vero treno, così ha pensato ad un’altra soluzione – costruirsi un treno personale nel seminterrato di casa, sogno che aveva sin da quando era bambino.
Al momento dell’acquisto della casa è stato molto attento alle misure che avrebbe dovuto avere per realizzare il suo sogno; quando finalmente hanno trovato la casa giusta ha dedicato all’incirca 2.500 ore nell’arco di quattro anni e mezzo per riprodurre in ogni minimo dettaglio un intero vagone VIA del 1980. Non è stato facile renderlo autentico, infatti ha dovuto smantellare tutto e ricominciare da capo almeno tre volte.

L'uomo che ha un treno nel seminterrato (1) L'uomo che ha un treno nel seminterrato (3) Un treno VIA originale

La maggior parte degli accessori (come ad esempio le tendine parasole o gli appendiabiti) sono originali, altri li ha dovuti creare. Anche i sedili sono originali; inizialmente, nel 1987, ha mandato una lettera alla VIA chiedendo se potesse acquistarli. La risposta è stata negativa ma poco tempo dopo è venuto a conoscenza del fatto che il treno VIA 5647 stava per essere demolito. È stato grazie a questo che ha potuto collezionare tutti i vari pezzi che rendono il suo modello così reale.

Il bagno, invece, è stato convertito in stanza audio che il più delle volte riproduce i rumori del treno.

Deve andare a Bruxelles, il navigatore la manda a Zagabria (1)

Deve andare a Bruxelles, segue il navigatore e arriva a Zagabria

Una donna belga di 67 anni doveva andare da Erquelinnes, in Vallonia (Belgio), a Bruxelles; ha impostato il navigatore, è partita ed è finita a Zagabria, la capitale della Croazia, a ben 1.450km di distanza… quando doveva farne solamente 57.

Deve andare a Bruxelles, il navigatore la manda a Zagabria (1) “Ero sovrappensiero, quindi continuavo a seguire le indicazioni”, ha affermato Sabine Moureau, che ha cominciato il suo viaggio la mattina dello scorso sabato per andare a prendere un’amica alla stazione di Bruxelles. “Il navigatore sembrava un po’ strano; mi ha fatto fare diverse deviazioni. Vedevo molti segnali stradali diversi, prima in francese, poi in tedesco: Cologne, Aquisgrana, Francoforte… ma ho continuato a guidare”.
Sabine ha fatto rifornimento due volte e ha addirittura riposato per alcune ore durante il tragitto ma non si è mai resa conto che aveva completamente sbagliato strada. “È stato solamente quando sono finita a Zagabria che ho realizzato di non essere più in Belgio”.

Deve andare a Bruxelles, il navigatore la manda a Zagabria (2)

L’amica, nel frattempo, è tornata a casa anche senza il suo aiuto. Si sono trovate due giorni dopo che Sabine ha cominciato il viaggio di ritorno.

In Cina arrivano le patatine al pollo e Pepsi

La marca di patatine Lay’s ha deciso di lanciare un nuovo prodotto, per il momento solamente in Cina; le patatine al gusto di pollo e Pepsi Cola.

Non è la prima volta che la Lay’s mischia gusti un po’ strani (come, ad esempio, le patatine al bacon, insalata e pomodoro) ma probabilmente questa è l’accoppiata più particolare.
Nella cucina cinese però non è una novità usare la Pepsi, quindi la scelta di questi due gusti ha un senso; per questo l’azienda ha deciso di vendere il prodotto solamente in questo Paese.

Il gusto viene descritto come simile a quello del barbeque con un retrogusto zuccherato.

Il cane gli mangia il passaporto (1)

Il cane gli mangia il passaporto, non può partecipare alla partita

Un giocatore gallese di rugby ha dovuto rinunciare a giocare un’importante partita in Francia perché il suo cane gli ha mangiucchiato il passaporto.

Jason Tovey, 23 anni, era pronto per andare a prendere l’aereo per Tolone in cui avrebbe giocato per i Cardiff Blues alla Coppa d’Europa di rugby quando ha visto che il suo passaporto era rovinato; aveva due grossi buchi ai lati e si vedevano chiaramente i segni dei denti di Buster, il suo cane.

Ha dovuto così chiamare l’allenatore per dirgli che non sarebbe potuto partire con i suoi compagni. “Avevo paura di dirlo all’allenatore, pensavo che nessuno mi avrebbe creduto“, ha affermato.

Nonostante il dispiacere di non poter essere presente, Tovey è riuscito a scherzarci sopra. “Sembra quasi come la vecchia scusa degli studenti che dicono che il cane gli ha mangiato i compiti”, ha detto. “Buster mastica spesso le cose ma di solito sono i calzini e le scarpe”.

Anche alcuni suoi colleghi ci hanno scherzato scrivendo qualche simpatico tweet a riguardo; Paul Williams, ad esempio, ha scritto: “Non è vero che Jason Tovey non può giocare contro il Tolone perché il suo cane gli ha mangiato il passaporto. Da quello che ha scritto sua madre ha dimenticato il cambio per educazione fisica”.

Donna decide di mangiare e bere solo prodotti Starbucks (1)

Donna decide di mangiare e bere solo prodotti Starbucks per un anno

Una donna di Seattle di nome Beautiful Existence ha deciso di mangiare e bere per un anno intero solamente prodotti di Starbucks, la famosa catena internazionale di caffetterie.

Donna decide di mangiare e bere solo prodotti Starbucks (1)

Il suo nome, tradotto, significa letteralmente “bellissima esistenza”; non è un nome d’arte ma il suo vero nome, che ha cambiato qualche anno fa dopo un divorzio difficile. Non vuole rivelare né il suo precedente nome né la sua vera età.

Donna decide di mangiare e bere solo prodotti Starbucks (2) Non si tratta di dipendenza; Beautiful, nel 2011, ha già fatto una cosa molto simile decidendo di acquistare prodotti solamente nei negozi Goodwill. Ogni anno la donna si pone una sfida, o meglio un progetto, e documenta il tutto nel suo blog, che potete trovare cliccando qui.
Quest’anno vuole dimostrare i benefici di Starbucks: “L’azienda dà buone indennità ai dipendenti part-time. È lì che andranno i miei soldi”, ha detto.

Nonostante Beautiful sia molto a suo agio riguardo il suo particolare progetto, non tutti i suoi amici sono d’accordo; continuano a dirle che le costerà molti soldi, che sicuramente prenderà peso e molto altro. “In realtà”, afferma, “in queste prime due settimane ho addirittura perso peso”.
Nei primi giorni dell’esperimento ha speso, in media, $18.79 al giorno in cibi e bevande. Se continuerà in questo modo per tutto l’anno potrebbe arrivare a spenere attorno ai 7.000 dollari, più del doppio di quanto spende una donna media.

Donna decide di mangiare e bere solo prodotti Starbucks (3) Donna decide di mangiare e bere solo prodotti Starbucks (4)