Naviga sul web col cellulare,bolletta da 50 mila euro!


Un artigiano 30enne di Ciserano, in provincia di Bergamo, dovrà pagare una bolletta di circa cinquantamila euro per aver usato “un pò troppo” la connessione web del cellulare.
Il giovane aveva stipulato con il gestore Vodafone un contratto che prevedeva un forfait per la navigazione internet tramite cellulare ma solo fino a 600 Mega a bimestre. Ignorando che dopo questa soglia avrebbe iniziato a pagare 0,2 centesimi di euro per ogni kilobyte scaricato ha lasciato il cellulare connesso a internet per moltissime ore, anche di notte, scambiando centinaia di byte.
In soli 19 giorni, dal 23 ottobre alll’11 novembre, la sua bolletta ha toccato i 49.015 euro.
L’artigiano, a cui non è rimasto che mettersi nelle mani di un’associazione consumatori, lamenta soprattutto le scarse notizie avute dal rivenditore che gli ha proposto ed attivato il contratto e protesta inoltre per il tardivo avviso avuto dalla Vodafone che ha bloccato l’abbonamento troppo tardivamente.

(Fonte Kataweb.it)

Vince argento in 800 donne, ma è un uomo


Santhi Soundararajan, atleta indiana, si è piazzata seconda ai Giochi asiatici. Ma il test genetico ha decretato: è un maschio!

DOHA (QATAR) – E’ arrivata seconda negli 800 metri piani. Ma forse ora le toglieranno la medaglia. Non poteva infatti gareggiare in quella competizione femminile perché è un uomo. Un’atleta indiana, arrivata, seconda nella finale degli 800 metri dei Giochi Asiatici conclusisi il 15 dicembre a Doha in Qatar, non ha infatti superato il test genetico che avrebbe chiarito il suo sesso.

IL CASO – Santhi Soundararajan, venticinquenne atleta di Chennai, nello stato meridionale del Tamil Nadu, già una volta era stata sottoposta ad un test genetico ai precedenti Giochi in Corea, per verificare la sua appartenenza al genere femminile. In quella occasione, dopo aver vinto la medaglia d’argento, il test, che non è obbligatorio, chiarì che Santhi era una donna. A Doha, secondo quanto riferiscono i vertici della commissione medica dell’Associazione Olimpica Indiana, il test ordinato su Shanti dopo le proteste di alcune avversarie, avrebbe dimostrato che Shanti in realtà è un uomo. La sportiva, dichiarata atleta dell’anno duranti gli ultimi campionati indiani a Delhi, sta per essere squalificata, come capitò nel 1999 ad una giocatrice di calcio della nazionale indiana, e privata della medaglia d’argento. Il caso sta assumendo contorni politico-sociali, in quanto l’atleta proviene da una famiglia poverissima e lo stato del Tamil Nadu, per onorarla della medaglia, gli ha già consegnato un premio in denaro pari a 30 mila euro più una televisione. Shanti ha dichiarato di sentirsi la vincitrice della gara degli 800, disputata a Doha il 9 dicembre scorso, soffiatale per due secondi da un’atleta del Bahrain.

(Fonte Corriere.it)

GB: Uomo talmente ubriaco da addormentarsi sui binari, salvato da un elicottero


Un uomo ubriaco, è stato arrestato questa mattina per aver causato forti disagi alle ferrovie dopo essersi addormentato sui binari.
A salvarlo è stato il provvidenziale volo di un elicottero e del pilota che si è accorto di quel corpo disteso sui binari. E’ accaduto a Epsom, in Inghilterra, dove l’ubriaco si è addormentato nel bel mezzo di un interscambio. Soltanto il caso havoluto che la sbornia non finisse male per l’uomo che, a dispetto dell’ora di punta, è riuscito a schivare i convogli che l’hanno solo “sfiorato”.

Ecco il video girato dall’elicottero che ha permesso il suo salvataggio.

GB: una donna inglese e' convinta di essere francese

Invita tutti i suoi amici ad andarla a trovare a Parigi, parla francese e a colazione pretende di mangiare croissant . Louise Clarke, una donna inglese di 30 anni, e’ convinta vivere in un presente che in realta’ e’ il suo passato: i 4 anni trascorsi a lavorare in Francia. Dopo essersi sottoposta a svariati test, le e’ stata diagnosticata la sindrome di Susac, una condizione che interessa principalmente le donne giovani e che colpisce il cervello, la vista e l’udito.

(Fonte Yahoo.it)

Usa, "flatulenze a bordo" atterraggio d’emergenza

Atterraggio d’emergenza per flatulenza a bordo. E’successo negli Stati Uniti, dove un aereo dell’American Airlines èstato fatto atterrare all’improvviso, ieri, dopo che una passeggeraaveva acceso un fiammifero per “nascondere” l’odore di una flatulenza.Il volo in rotta verso Dallas è stato dirottato a Nashville, inTennessee, in pieno allarme: diversi passeggeri hanno avvertito,preoccupati, gli assistenti di volo di sentire a bordo un forte odoredi zolfo, dal cerino bruciato.

flatulenze

Tutti i 99 passeggeri a bordo e i membri dell’equipaggio sono statifatti scendere dall’aereo, i bagagli scaricati ed ispezionati.Poi gli interrogatori degli agenti dell’Fbi e l’inattesa confessione.Una passeggera ha ammesso di essere stata lei ad accendere ilfiammifero, nel tentativo di camuffare il cattivo odore. La donna, hariferito una portavoce dell’aeroporto internazionale di Nashville, hadetto di avere una malattia che le provoca gli spiacevoli sintomi,senza specificare quale.Il volo è ripartito senza incidenti, ma la donna non è stata fattarisalire a bordo. Contro di lei, però, nessuna accusa.

Dans le Noir

A Mosca apre ristorante “al buio”

Bandite rigorosamente le distrazioni visive, solo il gusto deve essere l’unico metro di giudizio. Sono queste le regole base del “Dans le noir“, al buio appunto, il nuovo ristorante a luci rigorosamente spente per palati coraggiosi che ha aperto i battenti a Mosca. Un’altra curiosità del locale è che i camerieri sono tutti non vedenti. E per far star tranquilli i clienti il direttore assicura: “Le stoviglie sono infrangibili”.

Dans le Noir

“Mangiare nel buio totale è un’esperienza del tutto diversa: il senso del gusto può giocare strani scherzi, alcuni non riescono a distinguere la carne dal pesce”, spiega il direttore Iuri Radkoviets nel web-site del locale.

I clienti hanno solo un momento di luce, all’ingresso, per consultare il menù, scegliere il pasto e venire istruiti sulle regole del nutrirsi nell’oscurità. Devono abbandonare qualunque effetto personale, in primo luogo telefonini e sigarette, per non subire distrazioni. Poi vengono accompagnati ai tavoli per mano da camerieri non vedenti, passando attraverso un corridoio in penombra per abituarsi gradualmente al buio totale.

Per il personale non è difficile orientarsi: e per gli ospiti, piatti e bicchieri sono infrangibili, a scanso di problemi. La sala da pranzo è in grado di ospitare fino a cinquanta persone, e il pasto dura circa un’ora e mezzo. Poi i clienti vengono accompagnati in un bar illuminato, dove si scambiano le impressioni. Fra le opzioni disponibili c’è anche un menu a sorpresa: che lascia, a chi lo richiede, parecchi dubbi su cosa abbia mangiato.

Usa,troppi baci su aereo:denunciati, rischiano 20 anni di carcere

Troppi baci in aereo e per una coppia di 40enni c’è il rischio carcere. Questo per via del “Patriot Act”, la legge antiterrorismo varata negli Usa dopo l’11 settembre. Per i due, denunciati, l’accusa è di “attività sessuale eccessiva” su un volo Southwest tra Los Angeles e Raleigh. Entrambi si sarebbero scambiati una serie di baci appassionati e l’uomo avrebbe messo il viso sul basso ventre della compagna.

Richiamato all’ordine dal personale di bordo, l’uomo avrebbe ricominciato poco dopo, imbarazzando gli altri passeggeri ed attirandosi le ire di uno steward. Quindi si è innervosito e ha minacciato di denunciare l’assistente di volo, che ha poi informato l’Fbi, e la coppia è stata arrestata una volta arrivata all’aeroporto di Raleigh.

Secondo il suo legale, l’uomo non si era sentito bene a bordo ed è per quelle ragioni che si era coricato sulle ginocchia della sua compagna.

La coppia dovrà presentarsi in tribunale all’inizio dell’anno prossimo e teoricamente rischia fino a 20 di carcere. L’accusa è di ostruzione a un membro di un equipaggio in volo e di associazione a delinquere.

(Fonte Tgcom.it)