La barretta di cioccolato più grande del mondo

Record: La barretta di cioccolato più grande
Detentore: Thorntons
Nazionalità: Americana
Cosa: Peso complessivo di 5,792.5 chilogrammi realizzata durante la settimana dedicata al cioccolato, per la realizzazione ci sono voluti 7 giorni, dal 10 al 16 Ottobre.

AGGIORNAMENTO: Alcuni giorni fa il record di Finest Chocolate è stato battuto dall’azienda Thorntons, che in occasione della settimana dedicata al cioccolato ha realizzato una barra del peso di 5,792.5 kg.

Una barretta divisa in quattro pezzi e del peso totale di 5574 chilogrammi è l’enorme risultato ottenuto a Chicago dai lavoratori di un’azienda di dolciumi Americana.

L’enorme barretta lunga 6,4 metri è entrata direttamente nel Guinness World Record, come la barra di cioccolato più grande mai realizzata al mondo e superando il precedente record di più di una tonnellata.

Il record è stato realizzato per pubblicizzare una campagna sociale intitolata ‘Think Big Eat Smart’, ovvero “Pensa in grande, mangia con intelligenza” la quale si pone come obiettivo quello di istruire i bambini americani sul mangiare con coscienza e nelle giuste proporzioni.

Se siete curiosi di saperlo, per realizzare la barretta di cioccolato sono stati necessari 544 chilogrammi di nocciole, 2500 chili di zucchero, 907 chili di latte in polvere, 771chili di cacao e 635 chili di liquore di cioccolato.

Il record precedente era detenuto da un’azienda Armena chiamata ‘The Grand Candy Factory’ e la barretta in questione pesava ‘appena’ 4400 chilogrammi.

Il libro più grande del mondo

E’ stato presentato a Tokio, più precisamente nel Luglio del 2004 in occasione della presentazione dell’allora ultimo gioiello della casa automobilistica Mazda Motors Corp, la Compact Car Verisa.

Ciò di cui vi sto parlando è il libro illustrato stampato e rilegato più grande al mondo. Con una stazza complessiva di 352 chilogrammi e una dimensione di 3.07 metri in altezza e 3.42 metri in larghezza, il libro è entrato a far parte del Guinness Dei Primati come “il più grande libro illustrato del mondo”.

Il libro è composto da 16 pagine rigorosamente cartacee, come potete vedere per sfogliarlo sono necessarie almeno 2 persone e al suo interno sono raffigurate immagini della natura e richiami al modello presentato nell’occasione, la Mazda Verisa.

Purtroppo non so che fine abbia fatto il libro dal 2004 ad oggi ma sono sicuro che sia ben custodito in qualche Museo o palazzo in cui è possibile osservarlo e perchè no, sfogliarlo.

La più pesante struttura artificiale mai trasportata

La più pesante struttura artificiale trasportata intatta da un luogo ad un altro è il Fu Gang Building, un palazzo situato nella provincia cinese denominata Guangxi. L’intera struttura è stata trasportata con l’aiuto di gru in una nuova location il 10 Novembre 2004. L’intera struttura ha un peso complessivo di 15.140 tonnellate per 34 metri di altezza. La struttura è stata mossa di 34 metri orizzontalmente e ci sono voluti undici giorni per completare le operazioni.

L’uomo più grasso del mondo: Manuel Uribe


Si chiama Manuel Uribe ed è Messicano, molti di voi già lo conosceranno, è l’uomo più grasso del mondo, pesa più di mezza tonnellata, 550 kg, o per meglio dire pesava, ma a questo ci arriviamo.

Manuel da anni ormai è immobilizzato nel suo letto di casa poiché le sue gambe non sono in grado di reggere il peso del suo corpo.
La sua stazza gli è valsa il riconoscimento di uomo più grasso del mondo sul Guinness Dei Primati, con tanto di citazione sul famosissimo libro. Il suo peso è pari a quello di 7 uomini adulti messi insieme. La cosa alquanto incredibile è che a detta dei medici, tutte le sue funzioni vitali primarie, godono di ottima salute, la sua obesità non dipende da nessuna malattia o disfunzione, ma solo dalla sua eccessiva golosità.
Manuel è riuscito ad ingrassare in questo modo solo grazie al cibo ingerito durante gli anni e i fast food assieme ai cibi ipercalorici gli hanno dato una grossa mano.

Secondo il BMI (Indice di Massa Corporea) una persona supera la soglia dell’obesità ad una quota di 30, il BMI di Manuel arriva a 146.

Così il messicano si è visto di fronte ad una scelta, continuare a vivere dimagrendo o morire ucciso dal suo stesso peso.
E così ha deciso di vivere, negli ultimi anni è riuscito a perdere quasi 200 kg. Un grande risultato che gli ha permesso di uscire dall’uscio di casa per festeggiare. Attaccato il letto ad una gru Manuel ha festeggiato i risultati ottenuti con i suoi amici.

A causa del peso che lo costringeva nel suo letto, Manuel aveva deciso di fare anche un appello a livello mondiale per poter essere operato e dimagrire. Al suo appello ha risposto Giancarlo De Bernardinis, direttore della Clinica chirurgica II, del Policlinico di Modena. L’Ospedale si sta già organizzando per accogliere l’uomo rinforzando i lettini e adattando la struttura ospedaliera per il passaggio dell’ingombrante paziente. Non ci resta che augurare a Manuel di poter tornare sulle sue gambe nel più breve tempo possibile e raggiungere il suo peso forma di 120 kg.