Tenore 92enne cade sul Carso e chiede aiuto cantando

Per salvarsi la vita ha usato la voce, anzi i suoi acuti da tenore. Francesco Zeriav un arzillo vecchietto di 92 anni residente in una casetta sul carso triestino camminando lungo alcuni sentieri poco distante dalla sua abitazione ad un certo momento si è perso, ha attraversato spaesato una zona ferroviaria e poi è precipitato in un dirupo profondo circa una decina di metri. A casa sua intanto i suoi familiari avevano avvisato il 113 in quanto il loro ‘supernonno’ non aveva fatto rientro a casa.

Juan Diego Florez famoso tenore

Richiesta d’aiuto canterina – Immediate sono cominciate le ricerche da parte dei Vigili del Fuoco e della Polizia. Nel frattempo Francesco Zeriav, nonostante un brutto colpo alla schiena, si era alzato e cercava di riguadagnare la strada, ma la pioggia e il terreno sassoso e scivoloso gli impedivano di risalire. Così ha cominciato a chiedere aiuto.

Lo ha fatto però ricordandosiche da giovane era stato un ottimo tenore (fa parte ancora del coro del suo paesetto) per cui si è messo a cantare ed a lanciare acuti con quella vigorosa voce che ancora si ritrova. Fortuna ha voluto che un Vigile del Fuoco lo ha sentito per cui in poco tempo con un barella del 118 è stato portato in salvo e quindi ricoverato all’ospedale.

Da ragazzo il suo sogno era diventare un cantante – “Da giovane – ha detto – ero proprio un bravo tenore, ma ad un certo punto quella che sarebbe diventata mia moglie mi ha messo di fronte al fatto compiuto: o lei o la musica e così ho rinunciato al canto”. Francesco Zeriav ha detto di aver composto anche alcune canzoni, “la più bella – ha assicurato – è ‘Viva la vita, viva l’amor'”.

(Fonte Tiscali.it)

Mangia pesce al ristorante e un amo gli si conficca nella lingua!

Un uomo cinese si è amaramente pentito di aver ordinato del pesce in un ristorante dove si era recato a mangiare.
Il signor Pei, di Shanghai, ha sentito un qualcosa pungergli la lingua mentre mangiava, pensando inizialmente fosse una semplice spina. Quando però ha cercato di rimuoverla dalla propria bocca, si è accorto di avere la bocca tutta sporca di sangue.

“Ho cercato di togliere la spina, ma ho sentito che sulla lingua avevo un metallo, non una spina, ed mi sono accorto di avere tutta la mano sporca di sangue.” ha raccontato in seguito ad un giornale.

L’uomo è stato immediatamente portato al più vicino ospedale, dove i dottori gli hanno rimosso un amo lungo un paio di centimetri.

Un portavoce dell’ospedale ha dichiarato che il signor Pei si riprenderà presto ma la sua alimentazione dovrà essere leggermente modificata per un paio di giorni.

Il ristorante naturalmente ha ben deciso, per evitare ripercussioni legali, di risarcire con una cospicua somma il signor Pei, che non credo ritornerà mai a mangiare in quel locale.

Tamponato in bici perde 21mila euro, i passanti lo "aiutano" a raccoglierli!

bicicletta soldi incidente

Scene da “Napoli milionaria” a Palermo dove un commerciante di 62 anni, a bordo di una bici è stato tamponato da un’auto nella centralissima piazza Croci. Nell’urto gli è caduta una cassettina metallica contenente 21 mila euro.

Subito si sono fermati passanti e automobilisti creando disagio alla circolazione, per arraffare il maggior numero possibile di banconote da 50 o 100 euro. Alla fine, aiutato dalla polizia, lo sfortunato commerciante ha recuperato circa 18.500 euro. Del resto non c’era più traccia. Peraltro, il malcapitato è dovuto ricorrere alle cure del Pronto soccorso di Villa Sofia per escoriazioni e contusioni provocate dalla rovinosa caduta.

(Fonte Quotidiano.net )