The KunKun, il dispositivo che notifica quando l’ascella puzza

È stato da poco inventato in Giappone un dispositivo che rileva gli odori che emaniamo dal corpo – come ad esempio le ascelle o i piedi che puzzano – notificandoci tramite un’applicazione quando cominciano a sentirsi: si chiama The KunKun – che potremmo tradurre con ‘Lo SniffSniff’ – e grazie ad esso potremmo finalmente dire addio alle imbarazzanti figure che facciamo solitamente quando tentiamo di annusarci l’ascella con nonchalance.

the-kunkun

(altro…)

Giappone: smartphone waterproof per poterli usare sotto la doccia

È da un po’ che nel mercato occidentale sentiamo di alcuni smartphone waterproof e siamo entusiasti perché se dovesse caderci nel water potremmo stare tranquilli. In Giappone invece gli smartphone sono resistenti all’acqua per il 90-95% da almeno una decina d’anni perché le persone vogliono usarli anche in vasca o sotto la doccia.

SONY DSC

L’anno scorso hanno dato luce a uno smartphone completamente lavabile ma non è stata una novità troppo entusiasmante, in quanto già da tempo sono quasi tutti waterproof – e quindi vengono lavati indirettamente sotto la doccia. Sì, perché la dipendenza da smartphone in Giappone è così forte che le persone non si staccano dal proprio telefono nemmeno quando devono lavarsi!

Per questo i produttori di smartphone sono andati incontro ai loro clienti cominciando a produrli in modo che resistessero all’acqua già dieci anni fa. Il primo è stato il Casio Canu 502S, nel 2015, seguito a ruota da vari modelli della Fujitsu e poi da tutte le altre aziende produttrici di telefoni cellulari.

giappone-smartphone-waterproof

Al momento, nel mercato giapponese gli smartphone sono waterproof per almeno il 90-95%. La Samsung, azienda coreana, ha dovuto adattarsi per non rimanerne completamente fuori ed è forse per questo che ha cominciato a impermeabilizzare i propri smartphone (il primo è stato il Samsung Galaxy S5). Per la Sony invece, essendo un’azienda giapponese, gli smartphone waterproof sono la regola più che l’eccezione.

E quindi cos’abbiamo imparato oggi? Che se lasciamo il cellulare fuori dalla doccia non ne siamo così dipendenti come pensavamo.