“Blackout Tattoo”, la nuova tendenza tra gli amanti di tatuaggi

Il nome è sicuramente evocativo e descrive alla perfezione questa nuova tendenza che sta prendendo piede tra gli amanti dei tatuaggi e della body modification, i blackout tattoo sono dei tatuaggi completamente neri che ricoprono intere parti del corpo.

blackout-tattoo-trend

A differenza dei molto più diffusi blackwork o dei tatuaggi della tradizione polinesiana (Hawaii, Maori della Nuova Zelanda), i blackout si distinguono per un uso più “estremo” dell’inchistro e soprattutto della porzione di pelle ricoperta, che in alcuni casi si avvicina al 100% del corpo.

Il pioniere di questa moda è un tatuatore di Singapore, Chester Lee (qui il suo profilo instagram) che stufo dei soliti tatuaggi Old School ha deciso di cambiare completamente generre e di dedicarsi a questa nuova forma di arte.

“Per anni ho tatuato in stile Old School, con il passare del tempo però questo genere di tatuaggi ha iniziato a stancarmi, un po’ per la ripetitività, un po’ per i limiti che il genere stesso impone, per questo quando sono venuto a conoscenza di questo nuovo genere ho deciso di intraprendere questa nuova strada e di proporre ai miei clienti questi tatuaggi.”

Con il passare del tempo le persone stanno imparando sempre più ad apprezzare le forme e le linee che questa tipologia di tatuaggio esalta sui corpi delle persone.

Anche se attualmente potrebbe sembrarvi un po’ eccessivo chissà che un giorno non prenda piede anche in Italia. Noi una proposta ce l’abbiamo: inventare anche i whiteout tattoos per le persone di colore.

 

Super Papà, si tatua l’apparecchio acustico come quello della figlia

Si chiama Alistair Campbell e il suo nuovo tatuaggio sta facendo il giro del mondo.

Questo super papà proveniente dalla Nuova Zelanda ha deciso di farsi tatuare un apparecchio acustico, quando sua figlia Charlotte, appena 4 anni, affetta da una grave forma di ipocausia, è stata costretta ad indossare il medesimo apparecchio sull’orecchio sinistro.


Alistair

 

Subito dopo aver realizzato il tatuaggio Charlotte, ha sogghignato, ha toccato la testa del papà ed infine con un grosso sorriso ha dato il suo benestare al tatuaggio.

In famiglia Charlotte non è l’unica ad avere problemi d’udito, anche il fratello di 8 anni, Lewis, e la loro mamma, Anita, indossano gli apparecchi acustici.

Alistair ha affermato di aver deciso di tatuarsi l’apparecchio dopo aver notato un grosso cambiamento nel comportamento di sua figlia che a seguito del primo impianto all’orecchio aveva quasi smesso di parlare e di socializzare con le persone.

 

Se è vero che il tatuaggio rimarrà per sempre, per fortuna Alistair potrà contare sui propri capelli che riusciranno a coprire il disegno nella vita di tutti i giorni: “Mi lascerò ricrescere i capelli e li taglierò solo per occasioni speciali o quando mia figlia mi chiederà di vedere il tatuaggio.”

I nostri complimenti ad Alistair per il suo gesto d’amore nei confronti della figlia e un augurio a tutta la sua famiglia.