Michelin sviluppa dei nuovi pneumatici

Michelin, forte del suo marchio e della sua popolarità, ha sviluppato dei nuovi pneumatici per auto che hanno la particolarità di non contenere aria al loro interno. Secondo il team di meccanici e gli sviluppatori dell’azienda, queste nuove ruote sono molto più affidabili e flessibili. Inoltre, i rischi di danneggiarsi sono molto più rari e permettono una tenuta di strada molto più sicura rispetto ai pneumatici standard.

Michelin-Twheel.jpg

(Fonte it.gizmondo.com)

Australia,91enne si laurea in legge

Terminati studi con un anno di anticipo

Fuori corso non c’è andato, anzi: invece di impiegare i sei anni canonici per laurearsi in giurisprudenza ce ne ha messi solo quattro e mezzo. Studente modello non c’è che dire. Ma più che la voglia di entrare al più presto nel mercato del lavoro, a determinare l’accelerata di Allan Stewart è stato un fatto anagrafico: l’australiano neo-laureato, infatti, ha 91 anni: “Il tempo è essenziale”, ha commentato Stewart.

Insomma, come si dice, non è mai troppo tardi per imparare e per coronare i propri sogni. Il brillante nonno, residente a Tea Gardens presso Newcastle, si è laureato alla University of New England di Armidale, nel Nuovo Galles del sud. Sulla volontà di terminare gli studi in anticipo, l’anziano ha dichiarato: “Ho pensato che se l’avessi fatto durare più a lungo avrei potuto non farcela”. L’ostacolo più arduo incontrato da Stewart durante il corso di studi? Imparare ad usare Internet. “In materia di computer ero un totale analfabeta – ha confessato l’uomo – E’ stata un’area in cui ho dovuto imparare tutto da solo”. “In principio vi erano degli ostacoli, ma sono riuscito a destreggiarmi – ha continuato il neo-dottore – La maggior parte del lavoro era on line e naturalmente tutte le prove scritte dovevano essere eseguite su computer e le dovevo inviare ai docenti per posta elettronica”. Chissà se la vicenda dell’arzillo studente australiano farà venire voglia a qualche nonno italiano di riaprire i libri… pardon il pc.

Michael Jackson, look da donna a Saint Tropez


Un enorme cappello viola per coprire il viso e tacchi alti non bastano all’ex re del pop per passare inosservato lungo la riviera francese. Michael Jackson è apparso così ai curiosi che l’hanno intercettato nel corso del suo breve soggiorno francese a Saint Tropez come testimoniano le immagini del quotidiano inglese “Daily Mail”.

Lo vediamo nelle foto con un abbigliamento molto simile a quello della figlia Paris che lo accompagna.
(Fonte Repubblica.it)

Pupe e secchioni, incidente a Elisa e Del Monte

Elisa e Del Monte in ospedale

Incidente a La pupa e il secchione, il reality di Italia 1 ambientato a Villa La Motta di Travedona Monate, nel Varesotto. Due concorrenti sono finiti in ospedale per un sinistro fortunatamente non grave. Elisa Della Valentina e Dario Del Monte sono stati medicati al pronto soccorso. Durante i festeggiamenti del compleanno di Elisa, i due ragazzi sono caduti mentre imprudentemente ballavano su un tavolino di cristallo.

Elisa ha riportato 6 punti di sutura e nonostante i pianti e le urla ha deciso di continuare il gioco insieme a Del Monte che si è procurato solo qualche escoriazione. Entrambi sono attualmente in nomination. L’incidente è stato mandato in onda nel corso del daytime odierno (11 ottobre). Intanto continuano le ralazioni le due coppie Congedo-Nora e Sala-Rosy

La pupa e il secchione è ispirato a Beauty and the Geek. Il format, in onda sull’americana WB, è alla terza edizione ed è stato ideato da Ashton Kutcher, giovane compagno di Demi Moore.

(Fonte Tgcom.it)

Qua potete trovare una divertente interrogazione alle Pupe andata in onda durante una puntata del programma.
E qua (12) l’ormai famosissima rissa tra Sgarbi e Mussolini.

Autobus-Limo

Nuevo concepto de autobusAlcuni ingegneri stanno progettando un nuovo prototipo di autobus per i giochi olimpici di Pechino. Si tratta di una specie di mega-limousine a propulsione elettrica che può raggiungere i 250km/h grazie a una caratteristica speciale solo per questo autobus.
Può portare fino a trenta persone e ognuna ha una sua portiera personale.
la rivoluzione nel trasporto è che non ci saranno fermate prestabilite per l’autobus, basterà inviare un sms e l’autobus arriverà a prendervi e vi porterà al luogo da voi desiderato, quasi quasi come una limousine.

(Fonte Nopuedocreer.com)

Londra, scivoli a spirale alla Tate Modern

Perplessità della stampa britannica sulla pericolosità dell’opera dell’artista tedesco Carsten Holler

LONDRA – Non è piaciuta ai quotidiani britannici la nuova opera esposta alla Tate Modern di Londra. I tabloid inglesi hanno espresso numerose perplessità sui cinque scivoli a spirale che, da ogni piano dell’edificio, permettono ai visitatori della galleria di lanciarsi in una vertiginosa discesa.

L’opera, composta da cinque tubi trasparenti di plexiglas e acciaio, è stata realizzata dall’artista tedesco Carsten Holler, che ha risposto alle critiche spiegando: «È una struttura per provare un’esperienza che si colloca tra la gioia e la follia». «Una sorta di panico voluttuoso per una mente che altrimenti sarebbe lucida», ha aggiunto l’artista parafrasando il sociologo francese Roger Caillois.

I lavori per l’installazione, che è stata aperta al pubblico martedì, sono inziati un mese fa. L’opera, posizionata nell’atrio della galleria, realizzata in una ex centrale elettrica lungo il Tamigi, rimarrà aperta al pubblico fino ad aprile. I visitatori della Tate prima di lanciarsi nella folle discesa devono indossare un sacco che copre i piedi e la schiena. Lo scivolo più lungo misura 55 metri e la discesa dura 12 secondi. Nonostante i controlli, i numerosi test e l’applicazione delle norme di sicurezza, sono ancora molte le perplessità sul pericolo che potrebbe comportare l’opera.

(Ap)
(Altre foto 12345678 )

Ma allora si tratta di un’opera d’arte o solo di un gigantesco gioco anche un po’ pericoloso? Di sicuro, da qui ad aprile diverse centinaia di migliaia di persone (la Tate viaggia a un milione di visitatori l’anno) potranno osservare da vicino l’installazione. Il direttore della Tate, sir Nicholas Serota, dice «questa opera ti prende completamente, come ogni grande opera d’arte» e aggiunge: «La scultura rende consapevoli del proprio corpo». Per il momento, gli ingegneri della galleria hanno infatti dovuto aggiungere dei tappeti di gomma dopo che i primi visitatori – ospiti, giornalisti e critici d’arte – hanno terminato la loro «esperienza artistica» con lividi, caviglie gonfie e ginocchia sbucciate.

(Fonte Corriere.it)