Trovato feto di oltre 40 anni in un'anziana di 84 anni

Trovato feto di oltre 40 anni in un’anziana di 84 anni

È stato trovato un feto di 44 anni nel corpo di una donna brasiliana di 84 anni dopo essersi recata in ospedale a causa di un intenso dolore allo stomaco.

Trovato feto di oltre 40 anni in un'anziana di 84 anni La donna si ricorda di aver avuto un dolore durante una gravidanza più di 40 anni fa; dopo aver preso le medicine prescritte da un guaritore però la sua pancia ha smesso di crescere e non ha più sentito il feto muoversi, così ha pensato di aver avuto un aborto.

Il ginecologo che l’ha visitata qualche giorno fa ha dichiarato che i raggi X mostravano la faccia, le ossa delle braccia e delle gambe, le costole e la spina dorsale del feto, che si pensa sia morto tra la ventesima e la ventottesima settimana.

Questo raro fenomeno, dove il feto muore precocemente fuori dall’utero, viene chiamato lithopedion. Significa letteralmente “bambino di pietra” (dal greco: litho = pietra; pedion = bambino) perché nel corpicino, incapace di essere espulso oppure riassorbito dai tessuti circostanti come avviene normalmente, viene depositato del calcio che lo proteggerà facendolo mummificare.

Lo skater più piccolo del mondo (2)

Bimbo australiano di due anni, lo skater più piccolo del mondo

Lo skater più piccolo del mondo (2)

Lo skater più piccolo del mondo (1) Da qualche giorno sta girando su internet il video di un bambino australiano di due anni che va sullo skateboard.

Kahlei Stone-Kelly porta ancora il pannolino ma sa già salire le rampe e saltare dai gradini sulle strade di Victoria, in Australia, nonostante qualche capitombolo.

È già da mesi che il bimbo ha cominciato a usare lo skate e sembra imparare piuttosto in fretta; anche se sbaglia qualcosa, gli basta riprovare un paio di volte e riesce a imparare senza problemi.

Su YouTube ci sono molti commenti positivi anche se alcuni utenti si sono lamentati che il bambino fosse senza protezioni.

Assume uno spogliarellista per il suo 100esimo compleanno (1)

Assume uno spogliarellista per il suo 100esimo compleanno (VIDEO)

Una donna di North Wheatley (Nottinghamshire, Regno Unito) ha deciso di festeggiare il suo centesimo compleanno assumendo uno spogliarellista.

Assume uno spogliarellista per il suo 100esimo compleanno (1)

Doris Deahardie ha voluto pensare in grande per la sua festa in un pub locale. È partita da casa con una limousine e durante lo spettacolo ha anche usato una bottiglia di olio per bambini che aveva portato appositamente!

Assume uno spogliarellista per il suo 100esimo compleanno (2)Inizialmente la vedova, che attualmente vive con il figlio Barry e sua moglie Sharon, aveva pensato di festeggiare l’evento prenotando un semplice giro in elicottero come aveva fatto per il suo novantesimo compleanno.

“Mi ha chiesto se il pilota si sarebbe potuto spogliare per lei in volo!”, ha detto Sharon. “Le abbiamo detto che i piloti non fanno queste cose, che avrebbe dovuto assumere uno spogliarellista”, e così è stato.

Doris l’ha scelto personalmente da un elenco su internet, richiedendo lo spogliarello completo nonostante la sua età avanzata. Sharon ha tentato di dire al ragazzo di fare attenzione con la signora ma lei ha insistito per avere il set completo.

“È stato fantastico, davvero un’ottima serata. La sua espressione quando si è seduto sopra di lei! Penso non ci credesse che sarebbe davvero arrivato fino in fondo”.

A 14 anni riesce a sollevare più del doppio del suo peso (2)

A 14 anni riesce a sollevare più del doppio del suo peso

Jake Schellenschlager è un ragazzino americano di 14 anni che riesce a sollevare più del doppio del suo peso; si allena tutti i giorni da due anni, da quando ha cominciato a voler diventare il ragazzino più forte del mondo.

A 14 anni riesce a sollevare più del doppio del suo peso (2)

Quando Jake aveva 12 anni ha visto il padre che lavorava e, come tanti altri ragazzini, ha pensato di voler diventare forte come lui. La differenza tra Jake e gli altri è che lui ci è riuscito davvero!

A 14 anni riesce a sollevare più del doppio del suo peso (1)Al momento è alto 1,61 m, pesa sui 54 kg e ha già superato il record nei campionati di squat a York (Pennsylvania, Stati Uniti) sollevando 136 kg. Jake non passa nemmeno un giorno senza allenarsi e il padre, che ha una palestra a Glen Burnie, nel Maryland, gli dà il coraggio per continuare. “Mio papà è super forte”, ha detto. “Quando lo vedo mi motiva”.

L’allenatore del ragazzo, Mike Sarni, ha affermato che Jake ha dimostrato un’incredibile forza mentale oltre a quella fisica. “Sente di non poter essere sconfitto”, ha detto Sarni. “È quella forza interiore che gli dice ‘Posso farlo’. Solitamente questo succede alle persone più grandi e più mature”.

Ci sono anche dei rischi però. Paul Stricker, dell’Accademia Americana di Pediatri, ha affermato che è molto rischioso sollevare pesi durante la fase della crescita di un ragazzo. I genitori di Jake però non sono preoccupati in quanto dichiarano che fa controlli regolari ed è quindi sempre sotto controllo. La madre, Brandy, aveva un po’ di timore inizialmente ma ha presto realizzato che è uno sport come un altro; il padre è a conoscenza dei rischi ma sta vicino al figlio e continua a supportarlo.

Fumatrice a due anni

Madre filma la figlia di due anni mentre fuma e beve caffè, il padre denuncia il tutto

Fumatrice a due anniDi storie come questa non è la prima che si parla e probabilmente non sarà l’ultima, ma in questo caso credo che l’ignoranza della madre e la davvero precoce età della bimba abbiano dell’incredibile.

Una madre di Burghea de Sus ad Arges in Romania ha caricato su internet un video della figlia di due anni ripresa mentre fuma e beve caffé.

I genitori della bimba, Gabriel e Elena Ursu, si erano separati un anno fa e la custodia della piccola era andata alla donna.

“La mia ex moglie vuole schernirmi mostrandomi come tratta nostra figlia. A mia figlia non piace il latte e la mamma la vizia dandole il caffè e invece delle caramelle le fa fumare le sigarette! E’ malata!” – racconta il padre preoccupato – “I giudici mi permettono di vedere mia figlia solo una volta alla settimana e quando la vedo lei si lamenta perché ha voglia di fumare e a volte è così disperata che prende i mozziconi e se li mette in bocca.

Il video acquisito dalla polizia locale, mostra la bambina fumare e la voce della madre che la riprende e la incita a fumare.

Non sappiamo come andrà a finire la storia, ma sicuramente alla donna un paio di anni di galera dovrebbero darli!

spogliarellista per i 100 anni

Anziana centenaria si fa regalare uno spogliarellista per il suo compleanno

spogliarellista per i 100 anniCosa c’è di meglio per il compleanno di una donna se non un muscoloso spogliarellista?

E’ quello che ha pensato l’anziana Clare Ormiston che per i suoi 100 anni ha deciso di farsi regalare dai familiari uno spogliarello maschile tutto per sé.

La donna che vive al Frenfield Residential Home di Wythall vicino a Birmingham, qualche mese prima del suo compleanno aveva elencato alcune delle cose che più le sarebbero piaciute fare per festeggiare i suoi 100 anni.

Prima fra tutte una viaggio sulla luna. Purtroppo però, come ben immaginerete, tale desiderio non non era realizzabile, così, incalzata dalla figlia Marguerite, la donna ha chiesto qualcosa di più realizzabile, uno spogliarellista!

“Non potevo credere che mi avesse chiesto proprio uno spogliarellista, il suo sense of humour è incredibile nonostante l’età, quasi mi ribaltavo dalla sedia quando me l’ha detto!” – racconta divertita Marguerite.

spogliarellista per i 100 anniE così, il fatidico giorno dei 100 anni, alla casa di riposo si è presentato Scorpian, uno spogliarellista professionista che ha portato il buon umore a tutti gli anziani ricoverati e ha strappato un sorriso di gioia alla festeggiata.

Scorpian, il cui vero nome è John Green, ha dichiarato dopo l’esibizione: “La signora mi ha confessato che aveva sempre sognato di vedere uno spogliarello, direi che ha aspettato a lungo prima che questo desiderio si realizzasse.”

La donna è madre di tre figli, nonna di 4 nipoti e bisnonna di 2 piccoli bambini. Nonostante la sua età è vedova da soli tre anni.

Le auguro di poter vivere ancora a lungo e di poter esaudire altri 100 desideri.

Lori e Dori george (6)

Le gemelle siamesi più longeve festeggiano 50 anni

Lori e Dori (George) le gemelle siamesi più longeveLe gemelle siamesi più longeve al mondo contro ogni pronostico medico hanno festeggiato questo fine settimana il loro 50esimo compleanno

George e Lori Schappell, gemelle siamesi attaccate per la testa sono diventate famose in tutto il mondo dopo che molti giornali e trasmissioni televisive hanno deciso di occuparsi della loro storia unica.

Per festeggiare l’importante traguardo le due sorelle voleranno per un viaggio a Londra.

Nonostante sia attaccate da una vita, le due sorelle da sempre hanno svolto differenti, con Lori che ha anche avuto relazioni sentimentali e George, che fino a poco tempo fa era conosciuta da tutti come Dori, ha deciso di intraprendere la vita da uomo.

Lori è inoltre un’ottima giocatrice di bowling e george si esibisce spesso come cantante western nei locali.

Lori e Dori george (1)Lori e Dori george (2)Lori e Dori george (3)Lori e Dori george (4)Lori e Dori george (5)

“Quando siamo nate” – dice Lori – “I dottori avevano detto ai nostri genitori che non avremmo vissuto oltre i 30 anni, da ventanni dimostriamo ogni giorno a questi medici che si sbagliavano. In questi 50 anni abbiamo imparato moltissime cose e tante altre vogliamo impararne”

Molte persone non ci credono, ma in realtà noi abbiamo una vita quasi del tutto normale, viaggiamo, puliamo casa e Lori ha persino avuto un fidanzato. Niente ci ferma quando vogliamo fare qualcosa.”

Le gemelle provengono dalla Pennsylvania in America e condividono circa il 30% del lobo frontale del tessuto cerebrale e alcuni importanti e vitali vasi sanguigni, rendendo di fatto impossibile l’ipotesi di una loro separazione, anche con la migliore delle tecnologie mediche.

An-Tiki

Anthony Smith, l’84enne pronto ad attraversare l’Atlantico in zattera.

Un’avventura tra le acque dell’Atlantico per 10 settimane su una zattera, è questa l’impresa che 4 signori si apprestano a compiere a partire da questa settimana.

I quattro, capitanati dall’84enne Anthony Smith, ex pilota della britannica Royal Air Force, corrispondente scientifico del Daily Telegraph, e autori di trenta libri, hanno in programma di viaggiare dalle Canarie alle Bahamas a bordo di una zattera di pochi metri quadrati costruita utilizzando tubi in plastica e ribattezzata An-Tika.

An-Tiki

Tutti quanti i materiali per la costruzione dell’imbarcazione sono stati comprati dal signor Smith che alcuni anni fa fu investito da un’auto e ricevette una ricompensa per i danni subiti.

L’impresa sarà sicuramente ardua, l’anziano uomo si muovo con l’aiuto di un bastone e la zattera non garantisce certamente una totale sicurezza contro le onde dell’Oceano.

Basti poi pensare che i 4 membri dell’equipaggio arrivano a 259 anni se messi insieme. Oltre al già citato Smith, partiranno per le bahamas anche Don Russell, 61, David Hildred, 57, e Andrew Bainbridge, 57.

Anthony Smith

La spedizione ha anche una connotazione benefica. Parte dei fondi verranno infatti donati alla WaterAid, un’associazione che si adopera per portare acqua potabile alle popolazioni più povere del mondo.

“Due anni fa ha avuto la più grande fortuna della mia vita, sono stato investito” – dichiara euforico il signor Smith – “Ho sempre sognato di poter viaggiare tra le onde. Voglio dimostrare che nonostante la mia età e i miei handicap, posso ancora fare qualcosa di grandioso.”

“Spesso la gente mi chiede: ‘Ma non sei spaventato?’. Alchè io rispondo che non posso sapere se potrò avere paura. Inoltre a bordo avrò 2 marinai esperti e la zattera stessa è dotata di tutte le apparecchiature necessarie nel caso ci fossero dei problemi.

L’imbarcaizone è equipaggiata con viveri, una piccola libreria, fornelli a gas, pannelli solari, ami da pesca e reti per il plancton e naturalmente acqua! “Ne avremo così tanta chep otremo venderla agli yacht di passaggio” – scherza Anthony.

Il viaggio partirà questa settimana con l’auspicio che il vento possa portarli a destinazione. Qui il sito della spedizione ‘An-tiki

Qua invece potrete seguire passo passo la posizione dell’imbarcazione nell’Oceano.