Dark Barrel Latte, il nuovo caffè di Starbucks che sa di Guinness (2)

Dark Barrel Latte, il nuovo caffè di Starbucks che sa di Guinness

La catena internazionale di caffetterie Starbucks ha introdotto una novità: il caffè che sa di Guinness.

Dark Barrel Latte, il nuovo caffè di Starbucks che sa di Guinness (2)

L’accoppiata caffè e birra potrebbe far storcere il naso ma non è la prima volta che Starbucks si inventa gusti particolari, anche se questa è forse la più particolare.

Questo caffè, chiamato Dark Barrel Latte, sarà disponibile solo in alcune caffetterie degli Stati uniti – per ora è certo solo in Ohio e Florida – ma se dovesse essere molto richiesto c’è la possibilità che possa essere prodotto anche in altri Paesi. La nuova bevanda sarà fatta con uno sciroppo aromatizzato dal gusto molto simile alla birra scura irlandese Guinness, sormontata da panna montata e salsa di caramello scuro.

Dark Barrel Latte, il nuovo caffè di Starbucks che sa di Guinness (1)

Il Dark Barrel Latte è stato ispirato dal numero sempre maggiore di birre artigianali che stanno arrivando sul mercato, così hanno pensato di unire alla bevanda il sapore cioccolatoso del malto tostato e quello del caramello. Starbucks assicura che nel Dark Barrel Latte non ci sarà alcuna traccia di alcol.

Al momento le reazioni sono state svariate; da chi lo elogia a chi l’ha descritto come “aceto di malto”.

Beve una lattina di birra che gli era caduta nel fiume, gli cresce un enorme bozzo sulla pancia

Beve una lattina di birra che gli era caduta nel fiume, gli cresce un enorme bozzo sulla pancia

Un uomo di 60 anni si è ritrovato con una massiccia crescita all’altezza dello stomaco e della pancia dopo aver bevuto un sorso da una lattina di birra che era caduta in un fiume.

Beve una lattina di birra che gli era caduta nel fiume, gli cresce un enorme bozzo sulla pancia

John Macdonald non poteva di certo immaginare che bevendo da quella lattina che gli era accidentalmente caduta nel fiume potesse capitargli una cosa del genere. Dopo qualche ora dal sorso di birra il sessantenne si è trovato improvvisamente una specie di massa simile a un’ernia sulla pancia. Non si riesce a capire cosa possa essere; nonostante le quattro operazioni subite e i diversi cicli di antibiotici che ha preso non è ancora riuscito a guarire.

Il signor Macdonald, australiano, ha detto: “Voglio raccontare la mia storia al mondo, nella speranza che qualcuno da qualche parte possa rispondere alle mie preghiere e farmi guarire. Sono un brav’uomo e voglio esserci per i miei figli e il mio nipotino quindi se c’è un bravo dottore che possa aiutarmi si faccia avanti”.

Birra scura all'aglio nero (3)

Azienda giapponese inventa la birra all’aglio nero

Un’azienda giapponese ha voluto combinare la propria birra scura con il pungente e intenso sapore dell’aglio nero (aglio che ha subito una fermentazione lunga un mese), creando così la Aomori Garlic Black Beer.

Birra scura all'aglio nero (3)

La bottiglia si presenta con un’elegante etichetta nera con scritte dorate e costa 630 yen ($ 6.5).

Ad un primo sorso, la birra Aomori all’aglio nero non ha un sapore molto diverso da qualsiasi altra birra scura di qualità; non appena passa attraverso la gola e lo stomaco, però, il forte sapore dell’aglio comincia a farsi sentire in bocca. Chi è stato abbastanza coraggioso da provarla dice che è piccante e che il retrogusto è forte e crea assuefazione, facendo venire voglia di berne ancora.

Birra scura all'aglio nero (1) Birra scura all'aglio nero (2)

Birra spalmabile, già in vendita in UK (1)

Da Rieti arriva la birra spalmabile, già in vendita in UK

Direttamente dall’Italia, più precisamente da Rieti, arriva la birra spalmabile, ottima da abbinare con antipasti e formaggi, pane e crostini.

Birra spalmabile, già in vendita in UK (1)

Già presentata al Salone del Gusto dello scorso anno, la birra spalmabile nasce da un’iniziativa imprenditoriale congiunta tra il birrificio Alta Quota (Cittareale, Rieti) e la cioccolateria Napoleone (Rieti).

Questa sorta di marmellata, o gelatina aromatizzata, è disponibile in due gusti, uno più intenso e corposo e uno più delicato, e in Europa è già richiestissima. La catena di magazzini inglesi Selfridges l’ha da poco messa in vendita, vendendo i barattoli da 280g a £7.99 (circa €10), e sono arrivate molte richieste anche dalla Germania.

Non è la prima volta che qualcuno tenta di fare una marmellata o gelatina con la birra ma è la prima volta che l’esperimento va a buon fine. Claudio Lorenzini, del birrificio Alta Quota, ritiene che le due aziende siano riuscite a trovare la giusta formula che garantisce un prodotto finito di ottima qualità.

Birra spalmabile, già in vendita in UK (2) Birra spalmabile, già in vendita in UK (3) Birra spalmabile, già in vendita in UK (5) Birra spalmabile, già in vendita in UK (4)

Stacca il pene dell’amico a morsi perché gli aveva bevuto una birra senza permesso

Clicca sull’immagine per visualizzarla non censurata

E’ nato tutto da un piccolo diverbio riguardante una birra, così una serata tra amici si è trasformata in una serata da incubo per il carpentiere Osman Abubakar proveniente dal Ghana.
Osman e il suo amico Kwaku Agyemang, stavano passando insieme una serata di svago a base di birra quando a un certo punto uno dei due, Osman, ha bevuto una Guinness senza l’approvazione dell’altro, scatenando di fatto una violenta discussione.

Inizialmente Agyemang ha minacciato l’amico di prendersi il suo lettore di DVD, poi però la discussione è degenerata ed è iniziata una rissa in cui Agyemang ha staccato a morsi un pezzo di pene all’amico.

Ora l’uomo dovrà essere processato e dovrà rispondere di aggressione e lesione. Inoltre le corta ha già condannato il responsabile a pagare le spese mediche dell’amico più una multa di 200 cedi ghanesi (circa 150 euro).

Per quanto riguarda Osman invece, purtroppo dovrà rinunciare a parte del suo organo, anche se non sono stati diagnosticati problemi gravi per il suo futuro.

Invenzione rivoluzionaria, il dispensatore di birra dal basso!

beer dispenserUna nuova invenzione che se dovesse prendere piede potrebbe rivoluzionare il modo di versare la birra nei bicchieri, qualche mente brillante con la passione per la birra ha progettato questo aggeggio che tramite degli appositi bicchieri chiamati “Bottoms Up” è in grado di versare la birra dal fondo del bicchiere riempiendolo completamente e con precisione in pochi istanti.

Inventa il gelato alla birra

Studentessa Inglese inventa il gelato alla birra

Se gli appassionati di birra cercavano nuove alternative alla tradizionale pinta bionda, quest’estate non rimarranno delusi grazie all’invenzione di una giovane studentessa Britannica.

Anna Lowden, studentessa della Sheffield hallam University, ha inventato per quest’estate il gelato al gusto di birra.

Inventa il gelato alla birraTale invenzione è il risultato di un anno di lezioni e studio in un corso di cibo e nutrizione nella sua università.

Il nuovo gelato al gusto di birra, riproduce fedelmente il sapore della bevanda alcolica locale Pride of Schoffield, ma al contrario di quest’ultima non contiene alcool. La gradazione alcolica infatti si perde quasi completamente durante il processo di produzione.

Anna, 20enne, attende con impazienza che la sua invenzione al gusto di birra venga prodotta nei prossimi mesi con la riapertura delle gelaterie. La sua ricetta infatti è già stata consegnata durante il suo tirocinio nelle mani della Hope Valley Ice Cream Company, famosa compagnia inglese che produce gelati.

“Volevamo che gli uomini fossero tentati maggiormente dal gelato ed il risultato è stato entusiasmante. Il suo gusto è proprio quello di un tipico boccale di Pride of Sheffield (la birra con la quale è realizzato il gelato ndr)” – dice Anna.

“La cosa più bella è che abbiamo utilizzato un fornitore locale, abbiamo provato anche con altre birre, ma nessuna ci ha soddisfatto come ha fatto la Pride. Con gli amici è stato un successo.”

E mentre Anna si gode il successo della sua invenzione, la Hope Valley ha già dichiarato che il gelato verrà prodotto e commercializzato in molti pub come dessert.

Bella trovata, anche se sicuramente qualche artigiano l’avrà già provato prima di lei!