Corner Perk Cafe

Corner Perk Cafe, il locale dove il tuo conto viene pagato da sconosciuti benefattori

Immaginate di andare a prendere un caffè con un vostro amico o con la/il vostra/o compagna/o e di ritrovarvi con il conto già pagato prima ancora di arrivare al bar!

E’ quello che da qualche tempo accade al Corner Perk Cafè di Bluffton, in South Carolina.

Corner Perk Cafe

Tutto quanto è cominciato nel 2010, quando una benefattrice, bevve un caffè al Perk e se ne andò lasciando 100 dollari di mancia da utilizzare per pagare il conto ai clienti che fossero venuti dopo di lei.

Da allora lo strano fatto si è ripetuto almeno 8 volte, tanto che la notizia si è diffusa tra le persone della città e ora esiste un vero e proprio obolo dove la gente può donare dei soldi per pagare il caffè a quelli che si recano al locale dopo di loro.

“A volte entrano e lasciano dei soldi senza neanche prendere qualcosa al bancone, racconta il proprietario del bar Josh Cooke. immaginate la faccia dei clienti ogni volta che dico loro che non devono pagare nulla perché il loro conto è già stato pagato da qualcun altro. Spesso pensano sia uno scherzo.”

insomma se siete senza spiccioli e vi trovate in zona, sapete dove andare per bere e mangiare gratis

Fumatrice a due anni

Madre filma la figlia di due anni mentre fuma e beve caffè, il padre denuncia il tutto

Fumatrice a due anniDi storie come questa non è la prima che si parla e probabilmente non sarà l’ultima, ma in questo caso credo che l’ignoranza della madre e la davvero precoce età della bimba abbiano dell’incredibile.

Una madre di Burghea de Sus ad Arges in Romania ha caricato su internet un video della figlia di due anni ripresa mentre fuma e beve caffé.

I genitori della bimba, Gabriel e Elena Ursu, si erano separati un anno fa e la custodia della piccola era andata alla donna.

“La mia ex moglie vuole schernirmi mostrandomi come tratta nostra figlia. A mia figlia non piace il latte e la mamma la vizia dandole il caffè e invece delle caramelle le fa fumare le sigarette! E’ malata!” – racconta il padre preoccupato – “I giudici mi permettono di vedere mia figlia solo una volta alla settimana e quando la vedo lei si lamenta perché ha voglia di fumare e a volte è così disperata che prende i mozziconi e se li mette in bocca.

Il video acquisito dalla polizia locale, mostra la bambina fumare e la voce della madre che la riprende e la incita a fumare.

Non sappiamo come andrà a finire la storia, ma sicuramente alla donna un paio di anni di galera dovrebbero darli!

Topless bar

Topless bar costretto a chiudere a causa di continui sabotaggi

Donald Crabtree ha aperto il Grand View Topless Coffee Shop, in Vassalboro, Maine, in modo che lui, i suoi dipendenti e i suoi clienti potessero farsi una risata.
Ora, 2 anni dopo, reclama di esser costretto a chiudere per colpa dei sabotaggi.

In una città con meno di 4.500 residenti, non ci si aspetterebbe che accada una controversia come quella avvenuta per il topless coffee shop di Donald, invece è successo.

Ancora nel 2009, molta gente si riversava nell’unico posto in cui il caffè poteva esser loro servito da camerieri e cameriere in topless, e il gestore aveva descritto il suo business come “fantastico”. Aveva assunto dieci donne e cinque uomini, tra le oltre 200 candidature che aveva ricevuto, gente magra e grassa.
Con l’economia messa così male al momento, il bar concedeva un sorriso alle persone e aiutava a togliersi i problemi dalla mente.

Topless barTopless bar

Ma tutto questo è passato. Attualmente, il topless bar di Grand View non è più popolare come una volta, e Donald Crabtree ha dovuto fare dei tagli al personale e ridotto le ore di lavoro, semplicemente per tenere l’attività in piedi.

Dice che i residenti si sono rivoltati contro la sua idea innovativa fin dal primo giorno, e anche se lui era riuscito a resistere ai loro sabotaggi così a lungo, quand’è troppo è troppo.

L’ultimo avvenimento è stata una serie di violazioni riportate dalla città, riguardanti 2 cartelli da lui installati, uno riguardante un lavaggio della macchina in topless come benefit, e l’altro con scritto “cercasi ragazze formose”.

Le autorità sostengono che la questione non riguarda il contenuto dei cartelli ma la dimensione – sono più grandi di quanto è stato concesso per i locali della città, e l’ordinanza sui contenuti per soli adulti.

In giugno 2009, il topless coffee shop di Grand View è stato distrutto da un incendio, che la polizia sospetta essere doloso. Un uomo che aveva una relazione con una delle cameriere in topless è stato indicato come responsabile dell’accaduto.
Inizialmente il gestore ha spostato la sua attività su un rimorchio parcheggiato, provando a guadagnare abbastanza per riaprire in un luogo consono. Ma con gli affari che andavano peggiorando sempre più, e i sabotaggi dei cittadini diventando sempre più frequenti, Donald è pronto a gettare la spugna e si prepara a chiudere il suo topless bar non appena finisce il suo inventario.

Se pensi di visitare il topless coffee shop in Vassalboro prima che sia troppo tardi, sappi che richiede una somma di $5 per avere le cameriere nude, e il caffè costa $3 per la prima tazza e $6 per quelle che seguono.

Rovescia caffè, atterraggio di emergenza

Il comandante rovescia il caffè, atterraggio di emergenza

Rovescia caffè, atterraggio di emergenzaVolo 940 in viaggio da Chicago a Francoforte, qualcosa è andato storto e l’equipaggio ha dovuto affrontare un atterraggio di emergenza a Toronto.

Cosa è successo di preciso? Il comandante stava bevendo il caffè e una lieve turbolenza gli ha fatto rovesciare tutto il contenuto del bicchiere!

Un problema troppo grande per poter continuare il volo e attraversare l’atlantico, così il comandante del Boeing 777 della Transport Canada, ha fatto retromarcia ed è tornato nel continente Americano.

Il liquido versato aveva causato l’invio del codice 7500, che denota un hijacking, ovvero un errore nella destinazione dell’invio dei pacchetti dall’aeroplano ai controllori di volo e nonostante l’equippaggio di volo fosse in grado di porre rimedio al problema è stato deciso di riportare l’aereo a terra.

Una volta a Toronto i 231 passeggeri e i 14 membri dell’equipaggio sono stati riportati con un aereo a Chicago e sono stati tutti sistemati per la notte, in attesa di ripartire il pomeriggio seguente.

Recentemente in un altra bizzarra occasione, i controllori di volo di un aeroporto in Mongolia sono stati costretti a dirottare tutti gli aerei su altri scali per il pericolo che gli aeroplani potessero impattare contro alcuni UFO che venivano rilevati dai radar di terra.