Si infila una corda nel pene, ma gli rimane incastarata per due mesi

Zhao Chenglin – Si infila una corda nel pene ma gli rimane incastrata per 2 mesi

Il 58enne Cinese Zhao Chenglin, della provincia di Chongqing, è stato operato chirurgicamente dopo essersi infilato volontariamente una corda all’interno del pene alcuni mesi fa.

Si infila una corda nel pene, ma gli rimane incastarata per due mesi

L’uomo si era infilato la corda nel pene mentre praticava dell’auto-erotismo. (Non chiedetemi in che modo).

Dopo avere acquistato una corda lunga ben 85 centimetri, Zhao aveva deciso di infilarsela tutta quanta all”interno dell’uretra, ma quando ha tentato di estrarla dal pene, si è accorto che la corda era incastrata.

Un radiografia effettuata più tardi ha evidenziato come la corda si fosse raggomitolata in una palla all’interno della vescica, rendendo impossibile la sua fuoriuscita.

L’uomo ha più tardi ammesso di aver compiuto “La più grande stupidata del mondo”, aggiungendo: “Il dolore era così forte che mi sono rotolato per terra.”

Zhao Chenglin - Si infila una corda nel pene, ma gli rimane incastarata per due mesiZhao Chenglin - Si infila una corda nel pene, ma gli rimane incastarata per due mesiZhao Chenglin - Si infila una corda nel pene, ma gli rimane incastarata per due mesiZhao Chenglin - Si infila una corda nel pene, ma gli rimane incastarata per due mesiZhao Chenglin - Si infila una corda nel pene, ma gli rimane incastarata per due mesi

I medici avevano comunicato a Zhao che l’unico modo per rimuovere la corda era quello di farsi operare chirurgicamente.

Non potendo però affrontare le spese dell’operazione, Zhao ha dovuto vivere per altri 2 mesi con atroci dolori alla sue parti basse.

In questi due mesi l’uomo ha cercato di raccimolare la somma necessaria all’intervento, aiutato anche dagli amici. “Ogni volta che urinavo era come morire per me. Spesso usciva anche sangue”.

Fino a quando un suo amico ha avuto il coraggio di chiamare una clinica specializzata in problemi alla vescica, lo Chongqing Honglou Hospital. I medici della struttura si sono detti disponibili a curare il signor Zhao gratuitamente e così la corda è stata finalmente rimossa con grande sollievo per il 58enne con il vizio dei giochi erotici.

Siamo sicuri che non ripeterà più il giochino.

Ruba 500 rotoli di carta igienica

Absurdità in breve #8

Ruba 500 rotoli di carta igienicaAccusata di aver rubato 500 rotoli di carta igienica dall’ospedale. Una donna di 34 anni di Maryville è stata accusata di aver rubato 500 rotoli di carta igienica durante l’arco di alcuni mesi all’ospedale “Blount memorial”. La ladra si chiama Melissa Patty e a quanto pare avrebbe ammesso agli uomini della sicurezza di aver rubato i rotoli per un valore totale di 230 euro. I dirigenti dell’ospedale avevano dato 4 mesi alla donna per essere ripagati del furto, ma trascorso tale tempo, poichè la donna non aveva ancora pagato il debito è stata avvisata la polizia che ora ha aperto un fascicolo in cui la signora Patty è accusata di furto. [Fonte]

_____________________________________________________________________________________

Appende un annuncio per cercare un ragazzo - Università invasa da migliaia di pretendentiInserisce un annuncio per cercare un ragazzo, in centinaia si recano all’appuntamento. When Zhang Mengqian, un’avvenente ragazza universitaria cinese, aveva deciso di cercare la sua anima gemella e per farlo aveva deciso di affidarsi ad un annucio affisso sulla bacheca dell’università. L’annuncio dava appuntamento ad una certa ora all’esterno del dormitorio, il pretendente avrebbe dovuto urlare il suo nome. Immaginate la sorpresa quando a presentarsi all’appuntamento non sono stati solo 2-3 ragazzi, ma centinaia e centinaia. Tra l’incredulità generale, centinaia di ragazzi si sono presentati all’appuntamento ma incredibilmente  solo un paio ha avuto il coraggio di urlare il nome della ragazza, che ora ha l’opportunità di scegliere il suo preferito. [Fonte]

_____________________________________________________________________________________

Bambino nella macchina dei pelucheBambino rimane intrappolato nella macchina per i peluche. E’ accaduto al piccolo Cohen Stone di 2 anni, il piccolo si è arrampicato in una delle tante macchinette per vincere i peluche in un ristorante italiano dove sua madre Kyra di 24 anni lo aveva portato per festeggiare il compleanno di un amichetto. “Stavamo giocando insieme, dice la donna, poi mi sono distratta due minuti quando è arrivato il cibo al tavolo e quando sono tornata da Cohen si trovava dentro la macchinetta!”. Dopo i primi momenti di panico, sono stati chiamati i soccorsi e in circa 45 minuti il piccolo è stato liberato. [Fonte]

Il Mistero di Li Ching-Yun – L’uomo che visse 256 anni

Secondo quanto riportato dai necrologi del New York Times e del Time Magazine del 6 Maggio 1933, il signor Li Ching-Yun morì dopo aver cresciuto 180 discendenti e dopo aver seppellito 23 mogli all’incredibile età di 256 anni.

Questa è la storia misteriosa dell’uomo più longevo mai vissuto.

Come potrete immaginare non si sa molto riguardo quest’uomo, è certo che sia nato in Cina, a Szechwan, provincia nel quale è anche morto. Sappiamo anche che il giovane Li a partire dall’età di 10 anni ricevette un istruzione adeguata ai tempi e più tardi viaggiò a Kansu, Shansi, Tibet, Annam, Siam e Manchuria, località Cinesi dove lavorò alla raccolta di erbe medicinali.

Li Ching-Yun l'uomo che visse 256 anni

In seguito a questa esperienza lavorativa la sua storia diventa confusa e meno precisa. Probabilmente per ancora un centinaio di anni il signor Li vendette le sue erbe e verso la fine della sua attività decise di vendere le erbe di altri produttori. Si sa anche, a detta del Time, che l’uomo avesse le unghie della mano destra lunghe 15 centimetri.

Si racconta che un giorno il condottiero dell’Impero Wu Pei-Fu andò a casa sua per chiedergli quale fosse il segreto di tale longevità e la risposta dell’uomo fu:

“Mantenere il cuore calmo, sedersi come una tartaruga, camminare allegro come un piccione e dormire come un cane”.

Più che un segreto, uno zoo.

Le fonti locali dell’epoca rimanevano sbalordite nel vedere che il signor Li Ching-Yun avesse l’aspetto di un uomo adulto in piena forma fisica nonostante i suoi anni. Persone del paese hanno raccontato di avere ricordo di Li fin dalla loro infanzia, altri invece raccontano dal fatto che fosse amico dei loro nonni.

Ma allora fu tutta un’esagerazione? Forse un caso di omonimia? Un errore grossolano da parte del Governo Cinese?

Per sua stessa ammissione Li Ching-Yun nacque nel 1736, questo dato, rapportato a quello della sua morte, porterebbe ad una vita complessiva di 197 anni (il che sarebbe già estremamente incredibile). Tuttavia nel 1930 un professore della Minkuo University chiamato Wu Chung-chien trovò alcuni registri in cui veniva fatta risalire la nascita del signor Li al 1677. Gli stessi registri testimoniavano il fatto che il Governo Cinese si congratulò con l’uomo per il suo 150esimo e per il suo 200esimo compleanno.

E’ possibile dunque che l’uomo si fosse dimenticato l’anno della sua nascita? e come è possibile che anche il Governo gli abbia riconosciuto tutti quegli anni?

Secondo il Guinness dei Primati, l’essere umano più longevo di sempre fu la francese Jeanne Louise Calment che morì nel 1997 all’età di 122 anni e 164 giorni, ma se la storia di Li Ching-Yun fosse vera e i documenti scoperti fossero esatti, questo record sarebbe superato di ben 130 anni.

E’ possibile che un essere umano sia vissuto per un quarto di millennio conservando un aspetto tanto vigoroso? Probabilmente non avremo mai risposta a questa domanda, ma devo ammettere che questa storia è davvero affascinante.