Clinica sindrome dei Mondiali

In Cina apre una clinica per curare la sindrome dei Mondiali

Dopo le recenti morti in Cina, è stata aperta la prima clinica a Chengdu.

Clinica sindrome dei Mondiali

Ne avevamo già parlato in questo articolo di come i Mondiali stiano facendo una vera e propria strage in Cina; vista la gravità della situazione, si è deciso di prendere provvedimenti aprendo la prima clinica per la cura di ciò che hanno ribattezzato la sindrome dei Mondiali.

Apatia, disturbi del sonno, perdita dell’appetito e paranoia sono solo alcuni dei sintomi, che vengono trattati con ore di riposo e isolamento da dottori disponibili 24 ore su 24.

L’idea della clinica sembra funzionare, come testimoniano le dichiarazioni dei vari pazienti: ultimo è tale Wang Fu Wong, ricoverato in seguito alla partita “Italia – Uruguay”.
“Dopo il morso di Suarez ero completamente distrutto, non riuscivo più a mangiare e a concentrarmi, sembrava che il mondo mi fosse crollato addosso” ha affermato, aggiungendo che è riuscito a riprendersi solo dopo due giorni interi di riposo in clinica.

Obama confuso per il difensore Smalling da un designer di tazze (2)

Obama confuso per un difensore dell’Inghilterra da un designer di tazze

Il designer di una società che produce tazze dedicate ai Mondiali 2014 ha confuso il difensore dell’Inghilterra Chris Smalling con Barack Obama, stampando sulle tazze il volto di quest’ultimo al posto del calciatore.

Obama confuso per il difensore Smalling da un designer di tazze (2)

La società a causa di questo errore si è ritrovata 2000 tazze con il volto dell’attuale presidente degli Stati Uniti d’America sopra alla bandiera inglese e al nome del giocatore.

Non appena si sono accorti dell’errore – fortunatamente prima di metterle in commercio – hanno spedito le tazze a un rivenditore specialista di liquidazione, che ha pubblicato le foto mantenendo segreto il nome della società che ha commesso l’errore.

Obama confuso per il difensore Smalling da un designer di tazze (1)