Inri Cristo, l'uomo che crede di essere Gesù reincarnato (2)

Inri Cristo, l’uomo che crede di essere Gesù reincarnato

Un uomo brasiliano di 66 anni da ben 35 anni va in giro per il mondo a predicare la parola del Signore ed è fermamente convinto di essere la reincarnazione di Gesù.

Nato Alvaro Theiss, l’uomo si fa chiamare Inri Cristo. Inri lo usa come primo nome ed è la sigla incisa sulla croce usata per la crocifissione di Gesù che sta per Iesus Nazarenus, Rex Iudaeorum ovvero Gesù il Nazareno, Re dei Giudei, mentre usa Cristo come cognome.

Inri Cristo, l'uomo che crede di essere Gesù reincarnato (2) Cristo ha avuto la prima rivelazione sul fatto di essere Gesù durante un digiuno religioso a Santiago, nel 1979. In questa occasione, una voce nella sua testa – che dichiara di aver comunque sempre avuto, che lo guidava sin dall’infanzia – gli disse chiaramente: “Io sono tuo padre. Il Dio di Abramo, di Isacco e di Giacobbe“.

Ha centinaia di seguaci in tutto il mondo e addirittura una sua chiesa situata in un rigoglioso terreno al di fuori di Brasilia, la capitale del Brasile, chiamata Soust, anche questo acronimo di Suprema Ordem Universal da Santissima Trindade, letteralmente Supremo Ordine Universale della Santissima Trinità.

Molti dei seguaci di Cristo sono di sesso femminile; molte di loro vivono in un composto della chiesa e indossano un’uniforme azzurra con una corda attorno alla vita. Alcuni suoi seguaci lo seguono da decenni: la più vecchia, Abevere, ha 86 anni mentre la più piccola è una ragazza di 24 anni che l’ha incontrato per la prima volta quando ne aveva appena 2.

Cristo e i suoi seguaci sopravvivono con la frutta e la verdura che coltivano nell’orto che possiedono, come le banane, avocado e mango, e i cani ospitati nel canile fanno da guardia all’intero complesso. Ogni sabato mattina usa la cappella della chiesa per parlare ai suoi fedeli.

Inri Cristo, l'uomo che crede di essere Gesù reincarnato (1) Nonostante affermi di essere la reincarnazione di Gesù le sue credenze sono piuttosto non convenzionali e non ortodosse. Le sue opinioni su argomenti come il capitalismo, l’aborto e persino il Natale l’hanno messi nei guai più di una volta. È stato addirittura arrestato dalla Polizia più di 40 volte ed espulso da Paesi come gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e il Venezuela. Non supporta e non celebra il Natale in quanto crede sia solamente un modo per i ricchi di umiliare i poveri. “È un giorno in cui i bambini dei ricchi possono mostrare i regali che hanno ricevuto mentre i bambini dei poveri ne ricevono solo una briciola”, ha detto. “Quindi è un giorno molto triste per chiunque veda le cose con gli occhi con cui le vedo io”.

Ha anche criticato gli evangelici in Brasile, dicendo che sono falsi e solo interessati al denaro. A causa di tutte le sue critiche è stato più volte accusato di essere malato mentalmente. Lui nega e risponde che magari potrà essere un po’ pazzerello ma non di certo demente. “La pazzia è diversa dalla demenza. È la madre dei filosofi, dei profeti e degli inventori”.

Inri Cristo, l'uomo che crede di essere Gesù reincarnato (3) Inri Cristo, l'uomo che crede di essere Gesù reincarnato (4) Inri Cristo, l'uomo che crede di essere Gesù reincarnato (5) Inri Cristo, l'uomo che crede di essere Gesù reincarnato (6)

A questo punto potrebbe sembrare una bellissima persona che, in effetti, potrebbe non avere tutti i torti, ma il fatto che sia convinto di essere la reincarnazione di Gesù fa dubitare della sua sanità mentale, per non parlare di quando parla della sua missione. “La mia missione è di preparare gli eletti, i sopravvissuti dell’inevitabile ecatombe nucleare che si concluderà alla fine di questo mondo caotico, per la formazione della nuova società terrena, che si batterà per compiere la volontà del creatore”.
Aveva anche predetto che il mondo sarebbe finito nel 2012 e, quando non è successo niente, ha cercato di giustificarsi dicendo che il “2012 sarebbe stata la fine del mondo solamente per coloro che sarebbero morti nel 2012”. Ma va?

Crede di essere Dio, dà fuoco all'auto

Crede di essere Dio, dà fuoco all’auto e cerca di farsi investire

Una donna di 29 anni che dichiara di essere Dio è stata arrestata dopo aver dato fuoco alla sua auto in una stazione di servizio in Florida.

Crede di essere Dio, dà fuoco all'auto Qualche giorno fa, a Daytona Beach, Alexandra Barnes ha coperto la propria Scion di benzina; successivamente è entrata nel negozio, ha afferrato un accendino ed è corsa fuori dalla porta. Uno degli impiegati l’ha rincorsa e cercando di prendere l’accendino dalle mani della donna ha sentito l’odore di benzina; anche se è riuscito a riprenderlo, però, la signora Barnes ne ha preso un altro dalla sua auto, dandole fuoco subito dopo.

Uno dei dipendenti ha prontamente staccato la valvola di sicurezza per impedire che saltasse in aria l’intera stazione di servizio, mentre un passante è corso all’interno della macchina per salvare i cani che erano rimasti dentro.

Mentre succedeva tutto questo, la signora Barnes si era seduta nel bel mezzo della strada cercando di essere investita da un’auto, ha affermato l’ufficiale di Polizia Jimmy Flynt. “Ha detto qualcosa tipo che lei era ‘Dio’“, ha aggiunto.

La donna è stata portata all’ospedale dove l’hanno sottoposta ad una valutazione mentale, mentre la stazione di servizio, fortunatamente, ha subito solo un danno ad un tubo di una pompa, che si è fuso durante l’incidente.