Gli Stiles, la famiglia granchio (6)

Grady Franklin Stiles e la famiglia granchio

Gli Stiles, la famiglia granchio (6)Grady Franklin Stiles, nato a Pittsbourgh il 18 Luglio del 1937 fu il sesto di una longeva famiglia conosciuta in tutto il mondo come la famiglia granchio a causa delle loro stranissime mani.

La condizione che ha afflitto questa malattia si chiama Ectrodattilia e consiste nella malformazione o non formazione di tutte le dita delle mani o di una solo di esse.

Grady nacque con diverse malformazioni e fu costretto per tutta la vita ad utilizzare una sedia a rotelle per muoversi in pubblico o le sue possenti mani a chela per spostarsi in casa.

Nonostante il suo aspetto Grady si è sposato due volte, con Mary Teresa Herzog e con Barbara Browing dalle quali ha avuto 4 figli, due dei quali affetti dalla “sindrome del granchio”!

La storia della famiglia porta con se anche notizie tragiche, come quando la primogenita di Grady decise di sposarsi con un ragazzo che a lui non piaceva e che fu ammazzato con un colpo di pistola.

In seguito a quest’evento Grady passò alcuni giorni in carcere per poi essere scarcerato a causa dell’inadeguatezza delle cerceri per ospitare un disabile come lui.

Gli Stiles, la famiglia granchio (1)Gli Stiles, la famiglia granchio (2)Gli Stiles, la famiglia granchio (3)Gli Stiles, la famiglia granchio (4)

Gli Stiles, la famiglia granchio (5)Gli Stiles, la famiglia granchio (7)Gli Stiles, la famiglia granchio (8)Gli Stiles, la famiglia granchio (9)

Gli Stiles, la famiglia granchio (11)Gli Stiles, la famiglia granchio (12)Gli Stiles, la famiglia granchio (13)Gli Stiles, la famiglia granchio (14)

Nel 1992 il figlio acquisito di Grady, da parte di Mary Teresa, affermò che qualcosa andava fatto per fermare le abitudini violente del capofamiglia nei confronti della moglie e dei suoi figli e infatti pochi mesi più tardi Grady fu ammazzata da un suo vicino di casa mentre guardava la televisione.

L’omicidio, si scoprì tardi, fu organizzato proprio dal figlio di Teresa.

La vita della famiglia granchio però è fatta anche di successi, come quelli della figlia Cathy, che dal 1973 fino ai giorni nostri, apparve in molti film, tra i quali Big Fish, Sisters e Firecracker oltre che nella serie tv Carnivale.

 

 

Famiglia transessuale

Uomo che era donna e donna che era uomo, a supporto del cambio di sesso della figlia che era figlio

Famiglia transessualeDominik era una donna, Andrea invece era un uomo, entrambi hanno deciso di cambiare sesso molti anni fa e da qualche anno fanno coppia fissa, non si capisce bene con quale ruolo sessuale reciproco.

Quando Dominik ancora non aveva cambiato sesso, quindici anni fa, ebbe un figlio. All’epoca si chiamava Ilona Tomeckova e viveva ad Est della Repubblica Ceca, poco più tardi avrebbe lasciato il marito e cambiato sesso diventando un uomo chiamato Dominik Sejda.

Oggi, dopo molti anni, Dominik ha finalmente trovato Andrea, un tempo Tomas, sollevatore di pesi.

“Dopo aver cambiato sesso avevo perso i contatti con la mia vecchia famiglia, ma dopo aver incontrato Andrea, ho pensato di aver finalmente trovato la mia stabilità e ho deciso di riallacciare i rapporti con il mio vecchio marito e con mio figlio” dice Dominik – “Non avrei mai pensato che come me, avrebbe deciso di cambiare sesso.”

I due insieme hanno deciso di sostenere la decisione della figlia, Radim che seguendo le orme della madre, ha deciso di cambiare sesso e diventare una donna e chiamarsi Viktoria.

“A maggio ho contattato un sessuologo e con mia madre abbiamo fatto molti test, anche dal neurologo. Tutte quante le diagnosi, affermavano che ero ‘transessuale'” – confessa la giovane Viktoria.

Dominik e Andrea stanno accompagnando la giovane Viktoria nel lungo percorso di transizione e già Dominik insiste per chiamare il giovane figlio Viki.

Come si suol dire, tale padre, tale figlio. O tale madre tale figlia? Mah.

Ricoperti di vernice

Ricoperti completamente di vernice dopo incidente automobilistico

La famiglia, due adulti e due bambini, si trovava in viaggio in auto lungo la strada che porta a KwaZulu da Natal, in Sud Africa, portando con se 25 litri di vernice bianca, quando un incidente ha catapultato il recipiente verso i sedili anteriori ricoprendo dalla testa ai piedi tutti e 4.

Ricoperti di verniceRicoperti di vernice

Secondo le ricostruzioni il recipiente si è rovesciato all’interno dell’auto inondando gli occupanti che fortunatamente sono stati in grado di abbandonare il veicolo senza grossi problemi.

In loro soccorso sono subito giunti pedoni e automobilisti fermatisi per accertarsi delle condizioni della famiglia.

Nessuno dei passeggeri è rimasto ferito dall’incidente anche se l’auto seppur colorata all’interno di bianco, ha subito gravi danni e probabilmente dovrà essere buttata.

Non ho ben chiaro quali siano state le dinamiche dell’incidente, l’unica cosa certa è che per pulirsi la famiglia ha dovuto ricorrere al diluente.

Microspia

Comunicano per 11 anni tramite bigliettini per paura di essere spiati

MicrospiaE’ quello che hanno fatto i membri di una famiglia Egiziana per ben 11 anni dopo che il proprietario di casa trovò nascosta all’interno della sua abitazione una cimice (microfono spia).

A quanto si è appreso il microfono spia era stato installato dalla ex moglie dell’uomo. L’uomo all’epoca aveva deciso di trasferirsi in un nuovo appartamento, ma anche nella nuova a quanto pare aveva trovato oggetti per il rilevamento a distanza dell’audio.

La famiglia da allora aveva deciso di combattere le spie con il silenzio. Per circa 11 anni, i membri della famiglia all’interno della casa hanno comunicato soltanto attraverso post-it, pezzi di carta o block notes.

Il figlio più piccolo dell’uomo, di soli 6 anni, per adattarsi a questa situazione ha dovuto imparare a scrivere prima ancora che a parlare.

Dopo quasi 12 anni, stanca di scrivere per paura di essere spiati, la famiglia ha deciso di rivolgersi ad un esperto, ma solo dopo la morte della donna che a loro parere aveva installato le cimici.

Qual è stato il responso dell’esperto di sicurezza?? Le cimici erano false e non hanno mai funzionato. Neanche un minuto in 11 anni.

Pronto il Kit anti-GLBT per scoprire le tendenze sessuali dei vostri figli in difesa della Famiglia

lgbt

E’ di queste ore la notizia, battuta anche da agenzie internazionali, della imminente distribuzione del Kit anti-LGBT, dopo quello antidroga, che verrà inviato sperimentalmente a oltre 34.000 famiglie lumbard, a difesa della naturalezza sociale della famiglia. Rivolto in particolare agli adolescenti, il kit permetterà ai genitori di individuare velocemente il tipo di devianza sessuale di cui i propri ragazzi, specie quelli tra i 12 e i 16 anni, soffrono.

Il Kit contiene, tra gli altri oggetti disponibili, due riproduzioni in lattice degli organi riproduttivi maschile e femminile: gli oggetti sono stati selezionati tra le centinaia di migliaia di modelli a disposizione delle famiglie naturali fondate sul matrimonio tramite negozi specializzati, ma anche sui moderni canali dell’e-commerce su internet.

I modelli, individuati grazie alla collaborazione dei responsabili del ministero della sanità mentale, sono stati scelti in modo da rendere la sensazione tattile estremamente simile agli organi naturali, pur avendo lasciato a lungo aperta la questione sulla necessità o meno di preferire quelli dotati di autonomo moto vibratorio.

Un semplice manualetto dell’orgoglio etero, predisposto con l’ausilio del minculpop, permette di preparare ad arte il test per i giovani virgulti: il test si basa sulla simulazione, del tutto inverosimile, dell’utilizzo da parte dei genitori, o anche di uno solo di loro, di un DVD contenente un filmetto erotico che deve essere lasciato involontariamente inserito nel lettore di casa, mentre le riproduzioni vanno riposte malcelate nella camera da bagno.

A questo punto si lascia solo in casa il giovane soggetto ritenuto a rischio dei gravi disturbi connessi all’affettività omosessuale: al rientro in casa, dopo qualche ora, i genitori potranno utilizzare il tampone appositamente predisposto per valutare quale riproduzione sia stata utilizzata dal figliolo o dalla figliola, rilevando come un protagonista di CSI la presenza di residui organici.

A seconda dell’uso della riproduzione omologa o opposta all’organo effettivamente posseduto dal soggetto posto sotto controllo, si potrà determinare in modo indubbio la sua tendenza e assumere così le dovute conseguenze.

Negli ambienti scientifici si discute molto sugli altri oggetti presenti nel Kit, rossetto, calze a rete, cravatta e frustino. utili per individuare le tendenze trans e BDSM, nonché sulla indicazione delle tendenze bisex quando il test risulti positivo su entrambi le riproduzioni.

Oltre alla protesta del Partito Ambientalista per l’uso di materiale non biodegradabile dell’On. Cicalini per l’errata individuazione delle dimensioni delle riproduzioni, perché ritenute superiori alla media, si è rilevata anche una creta approvazione degli ambienti sacerdotali, che stanno valutando la necessità di offrire l’uso del test in tutte li luoghi di ritrovo religioso annessi agli altari presenti sul territorio dello Stato.

Il ministro delle opportunità ha indicato anche l’opportunità di predisporre un Kit analogo antipedofilia, basato su bambole gonfiabili.

Giacomo Nardone